Logo salute24

Test genetico: alleato della prevenzione?

Il test genetico è capace di influenzare il nostro stile di vita? O meglio, le nostre abitudini potrebbero cambiare in base ai risultati del test genetico? A chiederselo è il San Diego`s Scripps Translational Science Institute, che il prossimo giovedì darà il via alla prima ricerca longitudinale sulla possibile influenza dei test genetici sui comportamenti e gli stili di vita.
I partecipanti, tutti di età non inferiore ai diciotto anni, riceveranno una scansione del proprio genoma effettuata sulla base di semplici campioni di saliva. Verrà inoltre fornita loro una analisi dettagliata delle predisposizioni genetiche per più di venti malattie, tra cui diabete, obesità, attacchi di cuore e qualche forma di tumore. La ricerca accerterà poi, nei prossimi venti anni, quanto peso avranno avuto i risultati di tali test genetici sul comportamento e sullo stile di vita dei partecipanti.
L`obiettivo della ricerca è capire se i risultati del test genetico possano essere utili a motivare le persone a migliorare il proprio stile di vita, cominciando ad esempio a seguire abitudini alimentari più equilibrate o a praticare sport. C`è inoltre chi potrebbe decidere smettere di fumare. O ancora, chi potrebbe cominciare a sottoporsi a visite mediche periodiche di prevenzione e controllo.
“La scansione del genoma - spiega Eric Topol, che coordinerà la ricerca - dà alle persone importanti informazioni sul proprio Dna e sui rischi che corrono di contrarre determinate patologie. Già ci stiamo chiedendo – continua – se questi test possano essere utilizzati come strumento di prevenzione per la salute pubblica”.
Molte compagnie hanno già cominciato a vendere alcuni test genetici, ma per alcuni di questi test dovrà esserne ancora verificata la validità e l`accuratezza. Solo alcune società hanno ricevuto il via libera dal Dipartimento della salute pubblica californiano per il commercio di test e scansioni del genoma.  
L`uso di queste scansioni genetiche, spiegano gli scienziati, potrebbe portare a un fondamentale passaggio da una medicina reattiva a una medicina predittiva e preventiva. Continuerà ad abusare di caramelle chi nel suo test ha riportato una predisposizione genetica per il diabete?

di lidia baratta
Pubblicato il 10/10/2008