Logo salute24

Campi magnetici, nuova terapia per curare l’emicrania

I flussi elettrici del cervello si possono influenzare anche dall’esterno. Un metodo che si muove lungo questa direttrice è quella della Stimolazione Magnetica Transcraniale (Tms), che funziona attraverso l’uso di campi magnetici pulsanti.
Inizialmente sviluppata per i applicazioni diagnostiche, la TMS ha incominciato ad essere applicata in contesti terapeutica, ad esempio nel trattamento della depressione. Ora Yousef Mohammad e i suoi colleghi del Ohio State Medical Center hanno provato a sperimentare questa pratica su coloro che soffrono di attacchi di emicrania con l’"aura". Nella fase di insorgenza della cosiddetta aura, che annuncia l’approssimarsi dell’attacco, i ricercatori sono intervenuti con il flusso del magnete che riesce a interrompere lo svilupparsi dell’aura attraverso il campo elettrico, che viene creato in un millesimo di secondo e ha immediati effetti sul cervello.
In un esperimento che ha visto coinvolti 164 pazienti, la metà è stata trattata con il metodo della stimolazione magnetica, l’altra metà con una strumentazione prova di effetti. Due ore dopo l’inizio del trattamento il 39% di quelli sottoposti alla forza magnetica erano privi di dolori.
Nel gruppo di controllo, quelli curati con il finto-magnete, la percentuale di scomparsa del dolore scendeva al 20. “La terapia non produce dolori ed è sicura. – chiarisce Mohammad – A differenza delle pasticche, non ci sono effetti collaterali o insorgenza di mal di testa a seguito dell’eccessivo consumo”.
In uno studio successivo si testerà se il metodo è appropriato anche per quanti soffrono di emicrania senza aura.

di
Pubblicato il 13/07/2008