Logo salute24

Nuovo vaccino antipolio: riduce le infezioni del 90% (e si prende per bocca)

Un nuovo vaccino antipoliomielite più facile da somministrare perché dato per bocca ed efficace il 30% in più rispetto ai vaccini già conosciuti e utilizzati finora: è quanto emerge da uno studio realizzato da un gruppo internazionale di ricercatori guidati da Roland Sutter della World Health Organization di Ginevra (Svizzera) e pubblicato sulla rivista internazionale Lancet. Il nuovo vaccino antipolio orale, spiega Sutter, è capace di ridurre fino al 90% il numero di infezioni, "e potrebbe contribuire a eradicare definitivamente il virus".
A confronto -
Gli autori dello studio hanno messo a confronto in India e in Nigeria i `vecchi` vaccini con il nuovo, assunto per via orale. In totale, sono stati sottoposti all`esperimento 830 neonati. I campioni di sangue sono stati prelevati prima e dopo la vaccinazione per misurare la sieroconversione - ovvero l`aumento degli anticorpi prodotti dal sistema immunitario contro la poliomielite: ed è emerso che il nuovo vaccino è risultato più efficace nel combattere l`insorgenza della patologia del 30% rispetto ai vaccini già utilizzati.
Meno contagi anche nei paesi più a rischio - In India, spiegano i ricercatori, il numero di bambini contagiati in questo periodo dello scorso anno ammontava a 464: nello stesso periodo di quest`anno ci sono stati solo solo 39 casi. E in Nigeria si è assistito, nello stesso periodo, a una decurtazione dei casi del 95%: "Il calo drammatico nel numero di casi di polio in India e in Nigeria - conclude Sutter - è imputabile al nuovo vaccino e a una migliore copertura durante le campagne di immunizzazione".

di M.C.
Pubblicato il 03/11/2010