Logo salute24

Artrite reumatoide: 35% dei casi dipende dalle sigarette

Il fumo di sigaretta è responsabile del 35% dei casi di artrite reumatoide grave: a calcolarlo uno studio condotto dai ricercatori svedesi del Karolinska Institutet di Stoccolma su oltre 2000 persone e pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases.
L'artrite reumatoide è una patologia autoimmunitaria che porta gonfiore alle articolazione, provocando limitazioni nei movimenti e dolore cronico. Riguarda principalmente persone tra i 40 e i 60 anni, ed è tre volte più comune nelle donne.
Dopo aver analizzato le abitudini al fumo di 1.200 persone affette da artrite reumatoide e averle confrontate con i dati raccolti su 900 persone non affette dalla patologia, i ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano fumato pesantemente per tutta la vita - almeno 20 "bionde" al giorno per 20 anni - hanno più di due volte e mezzo (55%) la probabilità di avere nel sangue l'anticorpo anti-peptidi citrullinati (ACPA) strettamente associato alla forma più comune e grave di artrite reumatoide.

di Miriam Cesta
Pubblicato il 23/12/2010