X

Ti potrebbe interessare anche

Cancro, ecco come dimezzare la mortalità

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Leukemia_cells

Leucemia, dal bianco
«Il male esplosivo»

Ucciso a 28 anni dalla leucemia. Il giovane tennista Federico Luzzi solo domenica scorsa era sceso in campo nonostante un forte mal di testa. Poi, ricoverato in ospedale per accertamenti a causa del dolore alla testa che non accennava ad andarsene, gli era stata diagnosticata una polmonite. Solo giovedì controlli più accurati avevano dato un responso più grave, quello della leucemia. Dopo i primi trattamenti, il coma, da cui lo sportivo non si è più svegliato.
Una leucemia, definita "fulminante", che l`ha ucciso in pochi giorni. "Toglierei l`aggettivo `fulminante` dalla definizione di questa malattia -  spiega Mario Boccadoro, direttore del dipartimento di Ematologia dell`Università di Torino - perché la leucemia è già di per sé una patologia dall`andamento esplosivo, in cui il numero dei globuli bianchi raddoppia ogni 12 ore".
La leucemia è un tumore delle cellule del sangue. Tra le leucemie particolare importanza rivestono quelle acute, che si classificano in base al tipo di cellula affetta e in base al suo tempo di replicazione: avremo quindi la leucemia acuta mieloide (più frequente nell’adulto che nel bambino) se la linea cellulare interessata è la linea mieloide, e la leucemia acuta linfoide (più comune nel bambino, ma possibile anche nell’adulto sopra i 65 anni) se la linea cellulare interessata è la linfoide. Le cellule che si trasformano e diventano neoplastiche perdendo i meccanismi che regolano la proliferazione e la differenziazione e acquisendo alterazioni cromosomiche e molecolari si chiamano blasti
Una malattia che, nel 70-80% dei malati, rientra grazie a terapie specifiche. "Il problema - spiega Boccadoro - è per quel 20-30% dei pazienti che non risponde alle terapie. In questi casi i pazienti arrivano alla morte anche in poco tempo. Possono bastare anche solo pochi giorni".
"Alcune sono più pericolose di altre - conclude l`esperto - come, ad esempio, la variante promielocitica, che provoca disturbi della coagulazione fulminanti".

di (27/10/2008)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.