Logo salute24

Dalla Cina con amore: il Tai chi contro l’artrosi

Una lotta che non offende ma guarisce. È il Tai chi, tradizionale disciplina asiatica a metà strada tra taoismo e arti marziali che, secondo il Tufts Medical Center di Boston, allevierebbe l`artrosi del ginocchio.
Da secoli, per la tradizione taoista, questo antico esercizio fisico basato su 108 complessi movimenti “al rallentatore” avrebbe il dono di armonizzare mente e corpo. Adesso per uno studio presentato nel corso del meeting dell`American college of rheumatology, il Tai chi contribuirebbe anche a ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita delle persone affette da artrosi grave.
L`artrosi è una malattia degenerativa, non infiammatoria, delle articolazioni. Colpisce soprattutto gli anziani, in particolare le donne. Alcune articolazioni sono più sono più esposte alla patologia rispetto ad altre perché vengono usurate maggiormente e spesso sottoposte a carichi. È il caso di mani, fianchi, colonna vertebrale, ma soprattutto del ginocchio. Proprio in soccorso di quest`ultimo arriva il Tai chi che, dice il coordinatore dello studio, Chenchen Wang, “sembra fornire un importante aiuto per la cura e il controllo dell`artrite del ginocchio”.
La ricerca del Centro di Boston ha reclutato quaranta pazienti dell`età media di 65 anni, moderatamente sovrappeso e affetti da artrite al ginocchio da almeno dieci anni. I partecipanti al test, il 75% dei quali era donna e il 70% bianco, sono poi stati divisi in due gruppi. Il primo ha praticato la disciplina orientale per un`ora, due volte a settimana, per 12 settimane. Il secondo ha fatto la stessa quantità di esercizio fisico, ma con metodi convenzionali, come lo stretching, ovvero di allungamento e riscaldamento.
Alla fine dell`esperimento Wang e i colleghi hanno osservato come fosse significativamente migliorata la forma fisica e la salute tra i neo-praticanti della disciplina orientale rispetto all`altro gruppo. Ridotto anche il dolore e, in alcuni pazienti, persino la depressione.
In Italia più della metà della popolazione soffre, in un momento della propria vita, di una malattia reumatica acuta o cronica. Più di un italiano su dieci è affetto da una patologia reumatica: sono 5 milioni e mezzo, il 60-70% dei quali è adulto o anziano.
L’artrosi è il disturbo più diffuso: colpisce circa 4 milioni di persone pari al 69% dei pazienti reumatici. Numeri ampi che corrispondono a una spesa socio-assistenziale di oltre 20 miliardi l`anno.


 

di paolo fiore
Pubblicato il 27/10/2008