Logo salute24

Stipsi: pochi ne parlano, molti ne soffrono

Un problema diffuso e a cui si pone spesso rimedio con il fai da te: soffrono di disturbi intestinali circa 8 milioni di italiani, di cui solo il 20% si rivolge al medico, superando pudori e tabù. In particolare, la stipsi colpisce 4 milioni di nostri connazionali e le donne sono tre volte più numerose degli uomini.
Per il 4% dei pazienti la stitichezza causa un notevole abbassamento della qualità della vita. La Società italiana unitaria di colonproctologia (Siucp) ha svolto un`indagine su un campione di 130 donne affette da stipsi cronica e ha rilevato che una paziente su tre ne soffre dall`infanzia. Nel 96% dei casi il disturbo è vissuto come un problema che condiziona la vita sociale: ne viene penalizzato il benessere psicofisico in generale, il rapporto con il partner, la vita lavorativa. Il 51% delle donne intervistate segue una dieta ricca di fibre e acqua per arginare la stipsi, ma solo il 30% svolge regolare attività fisica, pochissime lo fanno quotidianamente. Rimedio più diffuso in assoluto è l`assunzione di lassativi: vi fa ricorso il 95% delle intervistate.
Il fai-da-te, però, non risolve il problema. Sottoporsi alla visita di uno specialista è il primo passo per guarire dalla stitichezza: dal 10 al 14 novembre, la Siucp promuove con il patrocinio del ministero del Welfare, la Società italiana di medicina generale e Cittadinanzattiva, la Campagna nazionale per la diagnosi e la cura di emorroidi e stipsi. I medici offriranno visite gratuite ai pazienti in 101 centri specializzati in tutta Italia.

di
Pubblicato il 30/10/2008