X

Ti potrebbe interessare anche

Tante proteine e grassi buoni: ecco perché le uova fanno bene

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Pasqua

Pasqua e Pasquetta
a tavola? «Costano»
2 kg in più a testa

Complici la pioggia e la tavola imbandita anche a Pasquetta, queste mini vacanze pasquali sarebbero "costate" l'aumento fino a 2 kg di peso in più per ogni italiano. Ad affermarlo è la Coldiretti, che spiega come nonostante il risparmio negli acquisti dettato dalla crisi, il menu della giornata di Pasqua è arrivato a contare fino a seimila chilocalorie a testa, con la tradizionale colazione a base di frittata, salame corallina e uovo sodo, seguita dal pranzo a base di lasagne e agnello, il tutto accompagnato da spuntini a base di pizze dolci e salate farcite secondo le diverse tradizioni regionali. E poi l'impossibilità, per la maggior parte degli italiani, di fare una bella passeggiata a Pasquetta a causa del maltempo ha fatto il resto, impedendo di fare quel poco movimento fisico per bruciare almeno qualcuna delle calorie accumulate.

 

Il tradizionale uovo sodo per la colazione pasquale - precisa Coldiretti - contiene circa 60 chilocalorie, e cento grammi di salame corallina ne aggiungono altre 400. A pranzo un piatto di lasagne al ragù ne fornisce 600, le costolette di agnello 300, una fetta di colomba 400 chilocalorie che salgono a 600 se si preferisce la pastiera, ai quali vanno aggiunti almeno cento grammi di cioccolato al latte dalla rottura dell’uovo che ne contengono 550 da accompagnare con un bicchiere di spumante, con altre 200 chilocalorie. Senza contare l'ambiente conviviale che stimola qualche bevuta di troppo, con un consumo superiore di superalcolici a elevato contenuto energetico. Un sovraccarico di energia accompagnato da una maggiore sedentarietà favorita, quest'anno, anche dal maltempo.

 

di red. (10/04/2012)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.