X

Ti potrebbe interessare anche

Venti minuti di sole al giorno: la ricetta per prevenire la fragilità ossea

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Scottatura_sole

Donna, tra i 40 e i 50
anni: è l'identikit
di chi si brucia al sole

Oltre la metà degli italiani (56%) sa che l’esposizione al sole può causare tumori alla pelle: ormai solo una piccola percentuale, il 5%, pensa che esporsi al sole non comporti alcun rischio. La maggior parte ha ben compreso l’importanza della crema solare, che viene usata dall’86% degli intervistati: un trend in crescita se confrontato con gli anni passati (76% nel 2011 e 62% nel 2010). Sono però ancora sono molti gli errori che vengono commessi durante l’esposizione al sole: il 50% degli adulti e il 41% dei bambini intervistati infatti continua a scottarsi al primo impatto con le vacanze estive al mare. I dati arrivano da un'indagine condotta nell'edizione 2011 della campagna My Skincheck su 1300 adulti e 90 bambini.

È luogo comune pensare che chi si scotta sia una persona poco attenta alla salute della propria pelle, che si disinteressa delle regole per una corretta esposizione al sole. Dall'indagine emerge infatti che il profilo tipico di chi si scotta con maggiore frequenza può essere così sintetizzato: è più spesso donna, ha tra i 40 e i 49 anni, ha fototipo chiaro, raramente non si protegge. È molto attento alla crema solare: il 91% la utilizza e il 40% usa un fattore di protezione SPF 50+ (contro il 22% di chi non si scotta). Utilizza altri strumenti come capi di abbigliamento e accessori per proteggersi dal sole e conosce bene i rischi dell’esposizione. Probabilmente si scotta perché ha un fototipo chiaro e/o si espone negli orari in cui l’irradiazione solare è più forte e, sebbene si impegni a proteggere la propria pelle al sole, non lo fa nel modo corretto.

"È importante applicare sempre la crema solare durante l’esposizione al sole e scegliere un fattore di protezione adeguato, ma questo non basta - spiega Gian Marco Tomassini, coordinatore del Gruppo Melanoma dell'Associazione Dermatologi Ospedalieri (Adoi) -. È fondamentale avere un comportamento corretto sotto il sole, rispettando tutte le regole per proteggere la pelle in modo ottimale: per quanto riguarda la protezione solare, va applicata prima dell’esposizione con cura su tutto il corpo, senza dimenticare zone come nuca o dorso del piede, e l’applicazione va rinnovata nel corso della giornata e dopo i bagni".

di red. (27/04/2012)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.