Logo salute24

Menopausa precoce, per Unipro il make up italiano è sicuro

Gli ftalati ammessi nei prodotti cosmetici italiani ed europei sono sicuri e non esiste correlazione tra uso di cosmetici e menopausa anticipata”. Con queste parole Unipro, l'Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche, rassicura i consumatori sul dubbio di rischi associati all'uso di prodotti per il make up contenenti queste molecole sollevato dagli scienziati della Washington University in occasione della conferenza dell'American Society of Reproductive Medicine di San Diego (Stati Uniti).

 

Secondo i ricercatori statunitensi gli ftalati, presenti non solo nei cosmetici, ma anche nei prodotti per la pulizia della casa e nelle confezioni di cibi e bevande, aumentano il rischio di menopausa precoce, anticipandola, in media, di 2,3 anni. Unipro sottolinea, però, che sotto la comune denominazione di ftalati ricadono molecole dalle proprietà molto diverse fra loro, inclusi composti che, a dosi molto elevate, sono tossici per l'apparato riproduttivo. Tuttavia, l'impiego di questi ultimi all'interno dei prodotti per il make up è vietato sia in Italia, sia nel resto dell'Europa, dove le normative vigenti garantiscono la sicurezza dei prodotti che si possono acquistare nei negozi anche attraverso “un’attenta e rigorosa valutazione della loro sicurezza da parte di esperti qualificati, sulla base delle loro composizioni e delle normali modalità e frequenze d’uso del prodotto”.

 

“L’unico ftalato impiegato nei cosmetici venduti in Europa è il Dietilftalato (Dep), aggiunto in piccole quantità ai prodotti con lo scopo di rendere amaro, e quindi imbevibile, l’alcool etilico eventualmente presente nella composizione del cosmetico – spiega Unipro -. Il Dietilftalato è stato esaurientemente studiato e il suo impiego è stato giudicato sicuro nei prodotti cosmetici”. In effetti, le quantità di Dep presenti nei cosmetici sono notevolmente inferiori alle dosi che mettono in pericolo la salute umana. Non solo, il fatto che l'impiego del Dep non sia pericoloso è stato confermato da un'attenta valutazione del Comitato Scientifico per la Sicurezza del Consumatore (Sccs), organismo della Commissione europea composto da autorevoli scienziati e ricercatori provenienti da diversi paesi dell’Ue.

 

Per questi motivi l'Unipro si sente di rassicurare i consumatori, affermando che per quanto riguarda i prodotti acquistabili in Europa “non esiste alcuna correlazione tra uso di cosmetici e menopausa anticipata”.

di Silvia Soligon
Pubblicato il 26/10/2012