Logo salute24

Contro la paura del dentista un aiuto dall'ipnosi

Buone notizie per chi vorrebbe evitare il dentista a causa della paura: il timore può essere tenuto sotto controllo grazie all'ipnosi. Le potenzialità di questo approccio saranno illustrate dagli esperti del Milton H. Erickson Insitute di Torino durante il congresso nazionale della Società Italiana di Endodonzia (SIE), in programma a Bologna dall’8 al 10 novembre.

 

Come funziona. La tecnica utilizzata per raggiungere lo stato di ipnosi necessario perché il dentista possa lavorare tranquillamente è la metodica conversazionale. “Una metodica ipnotica – spiega Giancarlo Di Bartolomeo, odontoiatra, psicoterapeuta e direttore dell'istituto torinese - che si avvale del linguaggio verbale e non verbale, che porta il paziente a una trance normalmente superficiale, ma già più che sufficiente per svolgere il lavoro. Metodica nella quale viene mantenuto un dialogo tra l’odontoiatra e il paziente”. Il paziente, quindi, anche se si trova in uno stato di rilassamento che consente al dentista di lavorare più agevolmente e proficuamente, è sempre cosciente e può rispondere alle domande del medico.

 

A chi è utile. L'ipnosi è una soluzione per quel 75% di pazienti che ha paura di andare dal dentista, sia adulti che bambini, magari a causa di brutte esperienze precedenti. Un approccio di questo tipo aiuterebbe anche quel 20% di pazienti che sviluppa sintomi somatici proprio a causa della paura e quel 15% che, invece, è vittima dell'ansia. Non solo, anche il dentista ne trae benefici: la ritrovata calma del paziente aiuta a lavorare meglio e ad abbreviare i tempi dell'intervento.

 


Buone notizie per chi ha il terrore del dentista: la paura può essere tenuta sotto controllo grazie all'ipnosi. Le potenzialità di questo approccio saranno illustrate dagli esperti del Milton H. Erickson Insitute di Torino durante il congresso nazionale della Società Italiana di Endodonzia (SIE), in programma a Bologna dall’8 al 10 novembre.


 


Come funziona. La tecnica utilizzata per raggiungere lo stato di ipnosi necessario perché il dentista possa lavorare tranquillamente è la metodica conversazionale. “una metodica ipnotica – spiega Giancarlo Di Bartolomeo, odontoiatra, psicoterapeuta e direttore dell'istituto torinese - che si avvale del linguaggio verbale e non verbale, che porta il paziente a una trance normalmente superficiale, ma già più che sufficiente per svolgere il lavoro. Metodica nella quale viene mantenuto un dialogo tra l’odontoiatra e il paziente”. Il paziente, quindi, anche se si trova in uno stato di rilassamento che consente al dentista di lavorare più agevolmente e proficuamente, è sempre cosciente e può rispondere alle domande del medico.


 


A chi è utile. L'ipnosi è una soluzione per quel 75% di pazienti che ha paura di andare dal dentista, sia adulti che bambini, magari a causa di brutte esperienze precedenti. Un approccio di questo tipo aiuterebbe anche quel 20% di pazienti che sviluppano sintomi somatici proprio a causa della paura e quel 15% che, invece, è vittima dell'ansia. Non solo, anche il dentista ne trae benefici: la ritrovata calma del paziente aiuta a lavorare meglio e ad abbreviare i tempi dell'intervento.


di Silvia Soligon
Pubblicato il 02/11/2012