Logo salute24

Dormire poco fa ingrassare di più

Ore piccole o alzatacce continue possono far lievitare pancetta e fianchi. Chi dorme in media cinque ore per notte tende a ingrassare maggiormente, anche un chilo di più rispetto a chi conduce una vita più regolare secondo uno studio dell'Università del Colorado di Boulder, negli Usa.    

 

Il decalogo del sonno perfetto. Guarda la fotogallery

 

Nella "suite del sonno" - I ricercatori americani hanno voluto capire perché se non si chiude occhio rischia di aumentare il girovita e hanno condotto un esperimento arruolando un gruppi di 16 di volontari, uomini e donne sani e magri, ospitati per due settimane in una “suite del sonno” dello University of Colorado Hospital, un ambiente attrezzato per rendere più confortevole possibile il riposo e così studiarlo. Nei primi tre giorni di permanenza tutti gli ospiti del Centro hanno avuto la possibilità di dormire nove ore e mangiare regolarmente, dopo di che sono stati divisi in due sottogruppi di cui uno poteva continuare a dormire le canoniche nove ore, mentre l'altro solo cinque. Entrambi potevano accedere a un vasto menu di alimenti e spuntini, alcuni molto calorici come patatine fritte e gelati, altri più sani come yogurt e frutta.  

 

I consigli anti-insonnia. Guarda la fotogallery

 

Più spuntini notturni – I ricercatori, il cui studio è pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences,  hanno controllato continuamente il dispendio energetico e l'introito calorico di tutti gli ospiti, scoprendo che il gruppo che dormiva meno spendeva anche più energie, in media il 5% in più, ma consumava anche più calorie, il 6% circa più di chi dormiva nove ore. Uno dei “talloni d'Achille” di chi dormiva meno erano gli spuntini post-cena e la preferenza per il junk food, alimenti ipercalorici, che spiegano in parte l'aumento di peso. “Il solo fatto di dormire poco, di per sé, non porta a ingrassare – spiega Kenneth Wright, autore dello studio -, ma quando le persone hanno un riposo insufficiente, questo conduce a mangiare più di quanto si abbia bisogno”.

di Cosimo colasanto
Pubblicato il 13/03/2013