Logo salute24

Barbabietola, il succo è anti-ipertensione

Con un bicchiere al giorno pressione giù di 10 punti

Rosso come il sangue e benefico per la pressione. Se la colonnina del mercurio va troppo su, un aiuto potrebbe arrivare dal succo di barbabietola. Bevendone 250 mg al giorno la pressione arteriosa scende di circa 10 punti. È quanto hanno dimostrato i ricercatori della The Barts and The London Medical School in uno studio pubblicato su Hypertension, rivista dell'American Heart Association.

 

La ricerca guidata da Amrita Ahluwalia e condotta su un piccolo campione ha permesso di stabilire i vantaggi di una centrifuga dell'ortaggio sulla pressione sanguigna. Il merito sembra essere nella presenza di nitrato, composto che si trova in concentrazioni piuttosto elevate nel tubero, circa 0,2 g per ogni bicchiere di estratto testato. Il nitrato una volta nel sangue si trasforma in nitrito, sostanza che favorisce la vasodilatazione e quindi la circolazione del sangue. Nello studio, i pazienti hanno visto scendere in media di 10 millimetri di mercurio (mmHg) la pressione massima e minima. “Questo studio dimostra che i soggetti più a rischio di malattie cardiache e ictus – afferma Amrita Ahluwalia -, causate dalla pressione alta, possono beneficiare del consumo di barbabietola”. Il nitrato si trova anche in livelli elevati nei vegetali a foglia verde, anche se risulta difficile mangiarne la quantità necessaria per avere gli stessi benefici, commentano i ricercatori. Che sperano invece di mettere a punto un drink anti-ipertensione: “Potrebbe essere un approccio a uno stile di vita facilmente utilizzabile per migliorare la salute cardiovascolare”, conclude Ahluwalia.

Cardio-frutta: la cromo-dieta salvacuore. Guarda la gallery

di co.col.
Pubblicato il 17/04/2013

potrebbe interessarti anche: