Logo salute24

Gli uomini non capiscono le donne: è colpa del cervello

Risonanza magnetica "certifica" diversità cerebrale

Uomini insensibili? Secoli per cercare di dare un nome all'imperturbabilità maschile di fronte alle emozioni femminili e la risposta era stata sempre lì. Nascosta nel cervello. Sono servite le "foto" rivelatrici della Risonanza magnetica al cervello di 22 uomini fatte dagli esperti della LWL University hospital di Bochum, in Germanina, per dare un fondamento scientifico alle accuse rivolte agli uomini di capire poco o per niente le donne. Lo studio, pubblicato su PlosOne, ha arruolatoi 22 uomini tra i 21 e 52 anni di età scoprendo grazie alle zone del cervello che si attivano con maggiore intensità e frequenza che per un uomo è più facile interpretare il pensiero di altri uomini che quello di una donna. E non è questione di linguaggio. 

 

I ricercatori sostengono che si tratta di una diversa configurazione del sistema limbico, l'area del cervello che tra l'altro è implicata con comunicazione, empatia e interazione sociale. Messi a confronto i soggetti con immagini che rappresentano occhi femminili, la Risonanza magnetica ha dimostrato che ippocampo e corteccia cingolata non reagivano “accendendosi” di fronte alla comunicazione “implicita” di uno sguardo. Al contrario se ai “volontari” venivano mostrati occhi maschili c'era una più rapida ed evidente attivazione dell'amigdala, regione cerebrale che viene collegata alle emozioni e all'empatia. Una dimostrazione, secondo i ricercatori, che “ci sono differenze di genere in alcune aree del cervello” e queste determina una difficoltà di comunicazione tra “sistemi” diversi.

 

 

Donne e sessualità: sfatati quattro miti sulla sessualità femminile

di co.col.
Pubblicato il 22/04/2013