Logo salute24
22-07-2013

Sigaretta elettronica: ridotta di un terzo la nicotina inalata con le "bionde"


La quantità di nicotina assunta attraverso dieci svapate della sigaretta elettronica con la maggior capacità di erogazione abbinata al liquido con la concentrazione di nicotina più elevata (16 mg per ml) si ferma a 0,3 milligrammi, un terzo rispetto alle quantità rilasciate dalla media delle “bionde” tradizionali e molto meno del milligrammo massimo consentito dalla legge. A svelarlo sono i risultati di una serie di analisi condotte dal laboratorio statunitense Arista presentati questa mattina all'Università Federico II di Napoli, dove altri studi coordinati da Marco Trifuoggi, docente di chimica analitica degli inquinanti, hanno posto l'attenzione anche sulla presenza di altre molecole potenzialmente dannose. “La verifica è stata fatta sulla presenza in quantità tangibili di metalli quali arsenico, manganese, cromo, vanadio, piombo e così via – ha spiegato Trifuoggi - Sostanzialmente quello che abbiamo verificato è che la loro presenza può essere esclusa fino ai limiti di rilevabilità strumentale e soprattutto fino ai limiti di rilevabilità compatibili con normali prodotti per questo uso”.

potrebbe interessarti anche: