Logo salute24

Incinta, stanca e umorale? L'esercizio fisico può far tornare il sorriso

Il movimento può combattere la depressione da gravidanza

Se sei incinta e ti senti stanca, puoi combattere la spossatezza con un po’ di...esercizio fisico. Sembra paradossale, ma non lo è: secondo uno studio condotto da Anca Gaston e Harry Prapavessis della University of Western Ontario (Canada), l’esercizio fisico può contribuire a ridurre la sensazione di affaticamento che accompagna la gestazione e può anche migliorare l'umore. Lo studio, pubblicato sulle pagine di Psychology & Health, ha visto coinvolto un gruppo di future mamme alle prese con un programma di allenamento di 4 settimane. I risultati, spiegano i ricercatori, non lasciano spazio a dubbi: durante il programma i livelli di fatica percepiti erano infatti diminuiti, e l’umore notevolmente migliorato. Il che suggerisce, affermano gli studiosi, che le donne in gravidanza dovrebbero essere incoraggiate a svolgere esercizio fisico regolarmente per ottenere benefici sia dal punto di vista psicologico che fisico.

 

Mentre i disturbi dell’umore post-parto sono ampiamente conosciuti e studiati, poco invece si indaga su ansia, stanchezza e depressione che possono caratterizzare la gravidanza, con ripercussioni sul nascituro – tra cui basso crescita ponderale del piccolo, rischio di parto prematuro, scarsa propensione all’allattamento al seno, aumento del pericolo di ricorso a sostanze illegali da parte della futura mamma. Secondo gli autori dello studio, poi, i figli di donne che hanno avuto problemi di ansia o depressione durante la gravidanza hanno più alti livelli di cortisolo - l’ormone dello stress – durante la primissima infanzia e l'adolescenza, e rischiano maggiormente di incorrere nel deterioramento delle capacità cognitive e nello sviluppo di disturbi mentali.

 


Svolgere esercizi in maniera costante durante la gravidanza può davvero essere d’aiuto per migliorare sia la salute fisica che psicologica: e secondo i ricercatori, quindi, è bene che sia le donne, che le loro famiglie, che gli operatori sanitari prenatali vengano aggiornati sull’importanza del movimento fisico in questa delicata fase della vita di una donna.

 

di m.c.
Pubblicato il 08/08/2013