Logo salute24
22-08-2013

Aviaria: nuovo focolaio, 500.000 galline da abbattere nel bolognese


La presenza di un nuovo focolaio di influenza aviaria è stata confermata ieri dal ministero della Salute. Si tratta di un allevamento di 500.000 ovaiole, galline per la produzione di uova destinate alla vendita, a Mordano, nel Bolognese al confine con la provincia di Ravenna, di proprietà della stessa azienda agricola nel quale era stato individuato il primo focolaio italiano di Ostellato (Ferrara). La conferma della presenza in entrambi i luoghi dello stesso virus, tipo A ceppo H7 ad alta virulenza, è stata fornita oggi dal Centro nazionale di referenza di Padova (Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie) dopo che la Regione, d'intesa con il ministero della Salute e l'Unità di crisi attività per gestire il problema avevano esteso i controlli alle aree limitrofe al primo intervento.


A Ferragosto, infatti, era partito l'abbattimento di 128.000 galline ovaiole di Ostellato. A a Mordano sono ''previste - precisa la Regione Emilia Romagna - le operazioni di abbattimento dei quasi 500 mila esemplari presenti nell'allevamento''.


Il ministero della Salute fa sapere che “sono stati intensificati i controlli, la vigilanza veterinaria e le misure di biosicurezza negli allevamenti'". Nei giorni scorsi l'Unità di crisi riunita a Bologna ha confermato "che non vi è alcun rischio collegato al consumo di uova e carni avicole'', mentre le Asl ''hanno applicato tutte le misure”, ricorda il ministero, per un raggio di 10 km attorno all'azienda, il rintraccio degli animali e dei loro prodotti, l'abbattimento di tutti i volatili in azienda e la pulizia e disinfezione delle strutture.