Logo salute24

Sonno, anche i bambini russano e soffrono di apnee notturne

A rischio anche la salute cardiovascolare

Russare e soffrire di apnee notturne non è un problema solo degli adulti. Un bambino su 5 russa e al 3% manca il fiato mentre dorme, fenomeno che riducendo la concentrazione di ossigeno nel sangue espone a problemi più seri, come diabete e all'arteriosclerosi. A parlarne è Giovanni De Vincentiis, esperto dell'Ospedale Pediatrico 'Bambino Gesù' di Roma, che spiega: “Per molti anni la medicina ha studiato con attenzione soprattutto i problemi legati al russamento notturno nell'età adulta. E' stato necessario prima comprendere che la manifestazione della malattia era profondamente differente nel bambino rispetto all'adulto”.

 

Infatti mentre negli adulti i problemi del sonno causano sonnolenza diurna, i bambini che soffrono di apnee notturni sono iperagitati durante il giorno, possono avere problemi di rendimento scolastico, di comportamento e nell'atteggiamento relazionale. Non solo, i piccoli che hanno a che fare con un disturbo del respiro nel sonno sono più predisposti all'obesità, al diabete, all'infiammazione delle vie aeree e all'arteriosclerosi.

 

Monitorare i sintomi che possono indicare la presenza di un disturbo di questo tipo è perciò fondamentale per proteggere la salute dei bambini. Russare tutte le notti, fare incubi o pipì a letto, essere iperattivi durante il giorno e disattenti a scuola sono tutti indizi di possibili apnee notturne. Nel caso in cui si presentassero è fondamentale rivolgersi a un otorino o a un broncopneumologo per scoprirne le cause e individuare la terapia più adatta.

di Silvia Soligon
Pubblicato il 13/09/2013