Logo salute24

Per dimagrire niente maratone, bastano 30 minuti di esercizio al giorno

Un'attività fisica moderata ricarica le energie e favorisce uno stile di vita salutare

Limitare l'attività fisica a 30 minuti al giorno fa dimagrire più di quanto non sarebbe possibile affannandosi su cyclette e tapis roulant per un'ora intera. Il motivo è semplice: quando non si consumano tutte le forze a disposizione tra le mura della palestra l'allenamento fa sentire più carichi di energie e più motivati a seguire uno stile di vita più salutare. A svelarlo è uno studio dell'Università di Copenhagen pubblicato sullo Scandinavian Journal of Public Health in cui Bente Stallknecht e collaboratori hanno studiato il fenomeno non solo dal punto di vista della salute fisica, ma anche da quello più psicologico e culturale.

 

Monitorando il peso e l'attività fisica svolta da 61 uomini moderatamente in sovrappeso, ma in buono stato di salute, i ricercatori danesi hanno scoperto che mentre chi si limita a 30 minuti di attività fisica al giorno perde in media 3,6 kg in 13 settimane, nello stesso tempo chi si allena per un'ora al giorno perde solo 2,7 kg. Intervistando i partecipanti è stato poi scoperto che mentre chi si allena a lungo finisce per sentirsi esausto, demotivato e meno disponibile a sposare uno stile di vita salutare, dedicare al massimo mezz'ora all'attività fisica quotidiana aiuta ad aumentare le energie e a cambiare in meglio le proprie abitudini. Come ha spiegato Astrid Jespersen, fra gli autori della ricerca, gli uomini che dedicano meno tempo all'attività fisica “fanno le scale, portano il cane a fare una passeggiata in più o vanno al lavoro in bicicletta”, tutte attività che aumentano il dispendio di energia quotidiano e aiutano a mantenersi in forma.

 

Scacco ai chili in più:  dimagrire in 11 mosse  Guarda la fotogallery

 

 

Una quantità moderata di esercizio ha un impatto significativo sulle attività quotidiane degli individui”, ha sottolineato la ricercatrice, secondo cui la scoperta ha delle ripercussioni anche sulla modalità con cui si deve affrontare una situazione di sovrappeso grave. “Quando si affronta un problema complesso come l'obesità si deve far ricorso a diverse discipline e la ricerca deve essere guardata da una prospettiva olistica. Decadi di campagne sulla salute non si sono dimostrate sufficientemente efficaci perché non siamo stati in grado di mettere insieme l'importanza, ad esempio, della psicologia, della cultura e delle strutture sociali”.

di s.s.
Pubblicato il 01/10/2013

potrebbe interessarti anche: