Logo salute24

Intestino, infiammazione alza il rischio di infarto e ictus

Interessate soprattutto le donne

La circolazione del sangue e l'intestino sono legati da un doppio nodo. È quello che hanno scoperto i ricercatori della Mayo Clinic di Rochester, negli Usa: le malattie infiammatorie dell'intestino sono, infatti, legati a un aumento del rischio di ictus e infarto. È quanto emerge da uno studio presentato durante il Congresso dell’American College of Gastroenterology di San Diego che ha esaminato nove studi dedicati alle malattie infiammatorie croniche dell'intestino (IBD). Si tratta di oltre 150.000 pazienti affetti da malattia di Crohn – negli Usa ne sono affetti circa 1,5 milioni di persone -, o colite ulcerosa, malattie che portano all'infiammazione delle pareti intestinali, accompagnate da diarrea, sanguinamento, crampi addominali, dolore, febbre e perdita di peso.


I ricercatori della Mayo Clinic hanno osservato un aumento del rischio di ictus e di infarto del 10-25% rispetto a chi non soffre di malattie infiammatorie del tratto intestinale. In particolare, questo rischio più elevato interessa maggiormente le donne. "I gastroenterologi dovrebbero essere consapevoli di questo rapporto e dovrebbe concentrarsi su una migliore gestione dei fattori di rischio convenzionali, come smettere di fumare, sul riconoscimento e sul controllo di ipertensione e diabete ", afferma Siddharth Singh, uno degli autori dello studio.

 

di Red.
Pubblicato il 15/10/2013