Logo salute24

Olio extravergine contro il cancro al colon: è meglio se Toscano Igp

L'efficacia delle terapie contro il cancro al colon potrebbe essere migliorata da una molecola presente nell'olio extravergine d'oliva Toscano Igp, il diidrossifenil etanolo (Dpe). A svelare le potenzialità di questo polifenolo sono le analisi condotte all'Università di Siena da Marina Ziche, Sandra Donnini ed Erika Terzuoli, che hanno presentato il loro risultati in occasione di un incontro cui sono intervenuti anche il presidente del Consorzio dell'olio extravergine di oliva Toscano Igp e il dirigente della Regione Toscana Stefano Barzagli.

 

Questa molecola, hanno spiegato le ricercatrici, “secondo vari studi internazionali ha proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitrombotiche. Nel nostro laboratorio abbiamo delineato il meccanismo molecolare attraverso cui Dpe contribuisce ad inibire la progressione del cancro al colon, andando ad interferire con i processi di infiammazione ed angiogenesi”. In particolare, il Dpe inibisce alcune molecole che contribuiscono all'aggressività del tumore e “riduce la crescita del cancro al colon in modelli tumorali preclinici”.

 

Il Dpe non è l'unico polifenolo presente nell'olio studiato all'Università di Siena. “Non tutti gli oli sono uguali – hanno sottolineato le ricercatrici - Un 'comune' olio extravergine di oliva può contenere dai 100 ai 250 mg di polifenoli, l'olio extravergine toscano Igp ne contiene almeno 450 mg”. In altre parole, il Toscano Igp sarebbe un vero e proprio concentrato di antiossidanti e di altre sostanze benefiche per la salute. “Consumare olio di oliva extravegine prodotto in Toscana fa bene all'agricoltura e fa bene alla salute - ha commentato Barzagli - E' come se in Toscana avessimo una grande azienda farmaceutica, diffusa su tutto il territorio, che non produce farmaci ma un olio di oliva che, oggi e' dimostrato, possiede effetti benefici per la salute umana”.

 

Le ricercatrici senesi hanno condotto i loro esperimenti utilizzando dei concentrati, ma hanno spiegato che gli effetti osservati possono essere ottenuti con quantità pari a quelle introdotte con l'alimentazione quotidiana. Ora gli studi proseguiranno per verificare l'efficacia dell'uso combinato di Dpe e del centuximab, un farmaco biologico, nella terapia del cancro al colon.

di red.
Pubblicato il 07/11/2013