Logo salute24

Alimentazione, l'Italia è la nona nazione al mondo

La palma della nutrizione sana va ai Paesi Bassi

L'Italia occupa la nona posizione della classifica mondiale delle nazioni in cui si mangia meglio. Una classifica basata non solo sulla qualità del cibo, ma anche sulla disponibilità dei generi alimentari, sul loro costo e sull'incidenza di patologie legate alla cattiva alimentazione, come il diabete e l'obesità. A stilarla sono stati gli esperti dell'Oxfam, che indicano come, tra le 125 nazioni prese in considerazione, la migliore in termini di alimentazione siano i Paesi Bassi. La top 10 prosegue poi con Francia, Svizzera, Danimarca, Svezia, Austria, Belgio, Irlanda, Italia e Portogallo.

 

I Paesi Bassi si sono distinti dalle altre nazioni europee per i prezzi bassi, la migliore offerta nutrizionale e la ridotta incidenza del diabete. Il paese in cui il cibo è più economico in assoluto rispetto al costo della vita sono però gli Stati Uniti, classificatisi solo al ventunesimo posto della classifica generale. I prezzi sono invece difficilmente sostenibili dagli abitanti dell'Angola. Per quanto riguarda invece la qualità del cibo, il migliore in assoluto è quello islandese, il peggiore quello del Madagascar. Infine, il diabete è più diffuso in Arabia Saudita, mentre a dover fare i conti con i tassi peggiori di obesità è il Kuwait.

 

La classifica dei peggiori. All'estremità opposta della classifica rispetto alla posizione occupata dai Paesi Bassi l'Oxfam ha messo il Chad, dove il valore nutrizionale degli alimenti è scarso, i loro prezzi sono eccessivi per la popolazione e le condizioni igieniche in cui vengono lavorati sono insufficienti. In generale, nelle nazioni che occupano le 10 posizioni più basse della classifica (oltre al Chad, l'Angola, l'Etiopia, il Madagascar, lo Yemen, il Niger, il Burundi, il Mozambico, lo Zimbabwe e la Sierra Leone) il cibo a disposizione della popolazione include soprattutto cereali poveri dal punto di vista nutrizionale, tuberi e radici. Qui non è l'obesità a creare problemi di salute, ma la malnutrizione, che fa sì che in Chad 1 bambino su 3 sia sottopeso, una situazione totalmente opposta rispetto a quella riscontrabile all'altro capo della classifica. Nei Paesi Bassi, infatti, 1 abitante su 5 raggiunge o supera il valore di indice di massa corporea considerato limite a partire dal quale si può parlare di obesità.

 

Foto: © Akhilesh Sharma - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 20/01/2014

potrebbe interessarti anche: