Logo salute24

Studio Usa: si consuma troppa caffeina. Attenzione alla dipendenza

Rinunciare a questa sostanza può scatenare i sintomi tipici dell'astinenza

Consumiamo troppa caffeina, e il risultato è che molte più persone di quanto comunemente si è portati a credere sono dipendenti da questa sostanza. Ad affermarlo è uno studio pubblicato sul Journal of Caffeine Research da un gruppo di ricercatori statunitensi guidati da Laura Juliano dell'American University di Washington DC, Steven Meredith e Roland Griffiths della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora e da John Hughes della University of Vermont.

 

Gli studiosi spiegano che tra le persone che consumano abitualmente caffeina sono molte quelle che, quando ne vengono private, presentano dei comportamenti del tutto simili alle crisi di astinenza indotte dall'interruzione del consumo di sostanze stupefacenti. E tanto sono i casi di coloro che, pur soffrendo di patologie cardiache, incontinenza o disturbi della coagulazione, non riescono a ridurne il consumo pur sapendo che la caffeina può peggiorare le loro condizioni cliniche: un comportamento noto come "caffeine use disorder". 

 

Come spiega Juliano "gli effetti negativi della caffeina non sono spesso riconosciuti come tali perché è una droga socialmente accettabile e ampiamente consumata, e ben integrata nelle nostre abitudini e routine quotidiane. Mentre, però, molte persone possono consumare caffeina senza alcun danno per la salute, in altri soggetti il consumo produce effetti negativi: può provocare dipendenza fisica, interferire con le normali attività quotidiane e dare i sintomi tipici dell'astinenza. Tutti indicatori di un consumo problematico".

 

Per un consumo non eccessivo Juliano spiega che "gli adulti sani non dovrebbero consumare più di 400 mg di caffeina al giorno. Le donne incinte dovrebbero consumarne meno di 200 mg al giorno e le persone che soffrono di ansia, insonnia, disturbi cardiaci, ipertensione e incontinenza dovrebbero ridurne notevolmente il consumo".

di m.c.
Pubblicato il 01/02/2014