Logo salute24

Istat/2: cambia l’assistenza più day hospital, meno posti letto

Resta stabile il numero dei medici di famiglia, arretrano, anche se di poco, ambulatori e laboratori di analisi e mentre si riducono i posti letto, gli italiani al ricovero preferiscono il day hospital. Sono alcuni dei dati contenuti nell`Annuario Istat 2008 che fotografano la rete sanitaria pubblica e privata.
RESISTONO LE "GUARDIE" - Le cifre confermano che i medici di base presenti sul territorio nazionale sono rimasti più o meno gli stessi negli ultimi anni,  nel 2006 erano circa 46.000, 8 ogni 10.000 abitanti. I medici pediatri sono circa 7.500, 9 ogni 10.000 bambini fino a 14 anni. In leggera riduzione il numero di ambulatori e di laboratori pubblici e privati convenzionati: negli ultimi tre anni se ne contano 17 ogni 100.000 abitanti. Resta stabile l`offerta dei servizi di guardia medica, nonostante i tagli e i risparmi sui budget delle aziende sanitarie: sul territorio ce ne sono 23 ogni 100.000 abitanti.
TUTTO IN UN GIORNO - Prosegue, infatti, il processo di razionalizzazione delle risorse e delle attività nel sistema ospedaliero italiano. Nel 2004, registra l`Istat, i posti letto ordinari erano 4,0 ogni mille abitanti (4,6 nel 2000). Alla diminuzione dell`offerta di posti letto corrisponde un`ulteriore riduzione delle degenze in regime ordinario (che scendono a 8,3 milioni nel 2004 dai circa 9,4 milioni del 2000), mentre aumenta il ricorso al day hospital: la dotazione di posti letto per questo servizio passa da 27.507 nel 2000 a quasi 32.000 nel 2004 (14% circa del totale dei posti letto ordinari).
ANZIANI MENO SOLI - Un fenomeno rilevante, quello dell`invecchiamento della popolazione, chiama in causa la rete dell`assistenza domiciliare integrata. Ormai un italiano su cinque ha più di 65 anni. Le statistiche sul punto sono confortanti: su 180 Asl sono 173 quelle che offrono questo servizio nel 2006. Aumentano anche i pazienti assistiti al proprio domicilio: da circa 396.000 nel 2005 a 414.000 nel 2006. La stragrande maggioranza, l`84,8% del totale, è costituita da ultrasessantacinquenni. A fine 2005 i presidi residenziali, ovvero le strutture che forniscono assistenza a bambini in condizioni di disagio, anziani, disabili, indigenti, sono 8.871, per un offerta complessiva di 338.750 posti letto e una media di 38,2 posti per presidio. Il numero delle persone ospitate è pari a 298.251, in aumento rispetto al 2004 (+2,0%). Il 77% degli ospiti ha più di 65 anni, il 17% ha un`età compresa fra i 18 e i 64 anni e il 6% è costituito da minori.

di cosimo colasanto
Pubblicato il 12/11/2008