Logo salute24

Chi beve più alcol nel mondo?

Russia e Ucraina la "maglia" nera con oltre 14 litri pro capite di alcol ogni anno

Una mare di alcol per l'Europa. Sono soprattutto i Paesi del Nord ed Est  a lanciare la Vecchia Europa in cima alla classifica del consumo di alcol mondiale elaborata dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). L'Europa, infatti, doppia il resto del mondo in fatto di consumo di alcol, 10,9 litri di alcol puro a persona in un anno nel periodo 2008-2010. Meno rispetto alla rilevazione precedente (2003-2005) in cui era stato registrato un consumo record di 12,2 litri per persona, ma comunque più di 4 litri sopra la media mondiale attestata intorno a 6,2 litri di consumo pro capite nell'ultimo biennio rilevato. Consumi più contenuti in questi ultimi anni? Il bicchiere è solo mezzo pieno: basti pensare che che considerando il numero di astemi sul pianeta, circa il 38,3% della popolazione con più di 15 anni, in media i bevitori consumano anche 17 litri di alcol puro ogni anno. Una misura che spinge in su le malattie dovute all'abuso di alcol.

 

Secondo il rapporto Oms nel 2010 ci sono stati 3,3 milioni di morti per malattie alcol-correlate: circa 200 malattie diverse, ricorda il rapporto, tra cui cirrosi epatica e  cancro. Oltre alla dipendenza, una delle maggiori emergenze sanitarie planetarie, bisogna anche considerare che l'alcol rende più vulnerabili ad alcune infezioni, come tubercolosi e polmonite, in espansione in tutto il globo. Altro fenomeno che preoccupa è il “binge drinking”, il consumo sregolato che caratterizza per molti, giovani e non, il fine settimana: il 31,8% degli uomini sopra i 15 anni e il 12,6% delle donne si è ubriacato fino a perdere il controllo nel mese precedente all'indagine dell'Oms.

 

Italia più “moderata” - Bere responsabilmente è lo slogan che si è imposto nel nostro Paese per raccomandare un consumo prudente delle bevande alcoliche. Il messaggio sembra aver avuto effetti, se è vero, come sottolinea l'Oms, che rispetto ai 10,5 litri pro capite del 2013 si è passati ai 6,7 litri, sempre di alcol puro, nel 2010. Oggi l'Italia, secondo l'Oms, si segnala per un livello di rischio 1, mentre Russia e Ucraina, con i loro 16,5 litri e 13,9 litri pro capite rispettivamente, sono in zona rossa, livello 5, anche per il rischio di dipendenza: in Russia secondo l'Oms è dipendente dell'alcol il 16% della popolazione.

 

 

Foto: © Photographee.eu - Fotolia.com

di Cosimo Colasanto
Pubblicato il 13/05/2014