Logo salute24

Lo studio: gli uomini bassi più longevi

Sotto 1 metro e 58 cm la vita media si allunga

Gli uomini più bassi possono guardare più lontano, secondo uno studio pubblicato su Plos One condotto sui dati del Kuakini Honolulu Heart Program e Kuakini Honolulu-Asia Aging Study che ha preso in esame circa ottomila americani di origine giapponese vissuti nelle isole Hawaii. Quelli che non superano 1 metro e 58 cm di altezza vivono mediamente di più rispetto a quelli che superano 1 metro e 64 cm.

 

Piccola statura, ma lunga prospettiva - I ricercatori della University of Hawaii (UH) e della John A. Burns School of Medicine hanno dimostrato che gli uomini dalla statura ridotta potrebbero giovarsi della protezione del gene della longevità, il gene FOXO3, che comporta sì uno sviluppo più contenuto del corpo nelle prime fasi della vita, ma garantisce una vita più lunga. E secondo i ricercatori, sempre per effetto di questa virtù, i bassi corrono anche un minor rischio di ammalarsi di cancro e hanno livelli più bassi di insulina. “È la prima volta che si dimostra il legame tra statura e questo gene”, afferma Bradley Willcox, uno degli autori della ricerca che ha dimostrato un parallelo tra uomini e altre specie, come roditori, vermi nematodi e mosche. “Persino il lievito ha una versione di questo gene”, afferma lo studioso. E anche nel lievito assicura la longevità. Tra gli 8.000 uomini esaminati, nati tutti tra il 1900 e il 1919, 1.200 hanno vissuto fino a 90 e 100 anni e circa 250 sono ancora vivi, facendo delle isole Hawaii uno dei luoghi al mondo in cui ci sono più centenari.

di Cosimo Colasanto
Pubblicato il 13/05/2014