Logo salute24

Giornata mondiale senza il tabacco È allarme per le donne

Cresce per la prima volta dal 2009 il numero di donne fumatrici

Dopo anni di diminuzione torna ad aumentare il numero delle donne fumatrici, mentre cala quello degli uomini. È la fotografia alla dipendenza dal tabacco scattata all'Istituto superiore di sanità in occasione della Giornata (31 maggio) in cui in tutto il mondo si accendono i riflettori sulla drammatica emergenza sanitaria: 8 milioni di morti ogni anno per malattie causate dal fumo, secondo l'Oms, e 600mila le vittime per il fumo passivo, generato da sigarette altrui.

 

In Italia

I dati italiani rifletto una situazione di stallo. Uno zoccolo duro di 11,3 milioni di fumatori, il 22% della popolazione, che seppure moderatamente in calo, non si riesce a scalfire. Si tratta di 6,2 milioni di uomini (il 25,4%) e di 5,1 milioni di donne (18,9%). E per la prima volta dal 2009 la percentuale delle fumatrici passa con dal 15,3% del 2013 al 18,9% del 2014, con un aumento del 3,6% in controtendenza rispetto agli anni precedenti e rispetto alla quota maschile, che passa dal 26,2% al 25,4%. Altro dato che preoccupa è quello delle giovani donne che si avvicinano al fumo: nella fascia di età compresa tra i 25 e 44 anni, infatti, si registra il maggiore avvicinamento tra donne e uomini, con la prevalenza maggiore di entrambi i sessi, 26% delle donne e 32,3% degli uomini.

 

Dieci ragioni per smettere di fumare. La fotogallery

 

Il boom del trinciato

 

È se l'uso delle sigarette elettroniche sembra essersi sgonfiato rispetto al boom dello scorso anno, secondo i dati dell'Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dell'Iss, con un numero di svapatori abituali passati da circa 500mila a 250mila, raddoppia la percentuale di fumatori che scelgono le sigarette fatte a mano (18% contro il 9,6% del 2013) mediante il trinciato. E ancora, oltre il 70% di fumatori consuma più di 10 sigarette al giorno e il 28,5% più di un pacchetto. Ne fuma meno di 9 soltanto il 26%.

 

Dedicato alle donne (e non solo)

 

Proprio per contrastare il fenomeno in aumento tra le donne, molte le iniziative in Italia e nel mondo. A Roma, sabato 31 maggio a Roma, in occasione della Giornata del Respiro e della Giornata Mondiale senza Tabacco dell’OMS, l’Agenzia Nazionale per la Prevenzione ed AgEtica, con le associazioni dei pazienti delle malattie respiratorie (Pazienti BPCO e Federasma), hanno organizzato a Piazza San Silvestro una “festa del respiro” completamente dedicata alle donne, per lanciare una Campagna di informazione e divulgazione chiamata Polmone Rosa che si svolgerà dalle 10 alle 18. Conferenze, presentazioni di libri e stand in cui i medici del Policlinico Gemelli effettueranno gratuitamente una spirometria e quelli del Centro Antifumo dell’Ospedale San Filippo Neri dispenseranno consigli per spegnere l’ultima sigaretta.

di co.col.
Pubblicato il 30/05/2014