Logo salute24

Stomaco, esofago e intestino: la protezione dal cancro arriva dall’aspirina

Se assunta tutti i giorni per almeno cinque anni. Studio pubblicato su Annals of Oncology

Un’aspirina al giorno contro i tumori dell’apparato digerente: la notizia arriva da una ricerca pubblicata Annals of Oncology dai ricercatori della Queen Mary University of London (Regno Unito), secondo cui mediante l’assunzione quotidiana di acido acetilsalicilico il numero di casi e di decessi per tumori all’intestino, allo stomaco e all’esofago si riduce di circa il 30-40%.

 

I ricercatori sono giunti ai loro risultati incrociando i dati raccolti da oltre 200 studi condotti, a loro volta, per esaminare gli effetti sulla salute dovuti all’assunzione dell’aspirina. Dai dati raccolti è emerso che l’aspirina sortirebbe dei benefici anche contro i tumori a prostata, seno e polmoni - sebbene per quanto riguarda queste neoplasie i risultati presentino alcune discordanze - e che comunque per ottenere i benefici da questo farmaco è necessario assumerlo quotidianamente per almeno 5 anni (meglio ancora sarebbe arrivare a 10 anni). "Prendere un’aspirina al giorno è la cosa più importante che possiamo fare per ridurre il rischio di sviluppare neoplasie dopo smettere di fumare e ridurre l'obesità - spiega Jack Cuzik, che ha guidato lo studio - e probabilmente è un obiettivo molto più facile da raggiungere".

 

Secondo lo studioso tutti i soggetti in salute con più di 50 anni dovrebbero in considerazione l’idea di assumere una piccola dose del farmaco (75 mg) per almeno dieci anni, per garantirsi l’effetto protettivo. I ricercatori stimano che se ciò davvero accadesse, nel solo Regno Unito si potrebbero evitare circa 122.000 decessi nei prossimi due decenni. 

 

Attenzione, però: niente fai-da-te. Dati gli effetti collaterali che possono derivare dall’assunzione dell’aspirina - ridotta capacità coagulativa del sangue e conseguenti possibili emorragie, ad esempio -, questo farmaco va sempre preso sotto prescrizione e stretto controllo medico.  

 

di Miriam Cesta
Pubblicato il 06/08/2014