Logo salute24

Intestino irritabile? Si cura con la menta

Fresca e profumata, perfetta per caramelle e granite, tè, infusi e liquori: anche il nostro intestino sembra avere un debole per la menta, tanto da acquietarsi al suo passaggio. È una ricerca pubblicata sul British Medical Journal a certificare l`efficacia dell`olio di menta contro i problemi dell`intestino irritabile. Ancora una volta i rimedi della nonna, che usavano l`infuso di menta come digestivo e antispasmodico, si rivelano molto efficaci.
La sindrome dell`intestino irritabile è un disturbo dalle cause ancora ignote. Ultimamente, però, diversi studi hanno rilevato tra le molte cause un`importante implicazione dello stress. 
Per arrivare alla conclusione che la menta effettivamente aiuti l`intestino irritabile, i ricercatori hanno trattato oltre 2500 pazienti con fibre, olio di menta e altri antispasmodici, per confrontare poi i risultati ottenuti. Nessuna delle tre sostanze somministrate ha fatto rilevare effetti collaterali, ma la menta si è dimostrata la sostanza più efficace. “Con le fibre – dicono gli autori dello studio – si è avuta una riduzione dei sintomi, ma solo con quelle solubili, e non con quelle insolubili, come la crusca”. I risultati migliori si sono avuti proprio nei pazienti trattati con olio di menta: tra loro, infatti, i sintomi sono diminuiti o scomparsi nel 65% dei casi (cioè in 145 individui su 197). Ad alcuni dei partecipanti allo studio i ricercatori hanno fatto assumere un placebo: tra questi, i disturbi sono invece calati nel 25% dei casi (cioè in 68 soggetti su 195).
Lo studio evidenzia dunque la bontà di alcuni metodi naturali ma,  spiegano gli esperti, bisogna procedere con cautela. Non è infatti ancora stata identificata una cura definitiva, e questo potrebbe portare a rafforzare l`idea, concludono gli esperti, che per il trattamento dell`intestino irritabile ci si debba porre di fronte al problema con un approccio olistico, complesso, che coinvolga discipline e ambiti differenti, dalla medicina alla psicologia.

di paolo fiore
Pubblicato il 17/11/2008

potrebbe interessarti anche: