Logo salute24

La Dieta Mediterranea protegge il Dna

La conferma arriva da Harvard: uno stile alimentare mediterraneo protegge dall'invecchiamento

Se il segreto della longevità è nascosto in uno stile di vita salutare, una corretta alimentazione non può essere che messa in cima alla lista delle priorità quotidiane. Ma quale scegliere fra i numerosi regimi alimentari proposti per mantenersi in salute? Un nuovo studio che arriva dal Brigham and Women's Hospital, struttura affiliata all'Università di Harvard, sembra aver identificato le ricette ideali: quelle della Dieta Mediterranea. Fra i benefici di questo tipo di alimentazione, dichiarato dall'Unesco Patrimonio Immateriale dell'Umanità, ci sarebbe infatti un effetto protettivo nei confronti dei telomeri, le strutture che proteggono i cromosomi dall'accorciamento che potrebbe verificarsi ad ogni duplicazione del Dna.

 

Gli autori dello studio, coordinati dall'esperta della T.H. Chan School of Public Health Immaculata De Vivo, hanno analizzato le abitudini alimentari di 4.676 donne in buono stato di salute che avevano compilato questionari specifici nell'ambito del Nurses' Health Study, un progetto che ha previsto anche la misurazione dei telomeri delle partecipanti. “I nostri risultati hanno dimostrato che in generale mangiare sano si associa a telomeri più lunghi – spiega Marta Crous Bou, primo nome dello studio – Tuttavia, l'associazione più forte è stata osservata fra le donne che seguivano una dieta mediterranea”.

 

Lo studio, pubblicato online da The Bmj, associa quindi la Dieta Mediterranea a una protezione dei telomeri. “I nostri risultati – sottolinea De Vivo – offrono ulteriore sostegno ai benefici dell'aderenza a questa dieta per promuovere la salute e la longevità”. Per aiutare la popolazione a fare le scelte alimentari più corrette sarà però necessario condurre nuovi studi mirati a identificare gli ingredienti della Dieta Mediterranea responsabile di questo effetto protettivo nei confronti dei telomeri.

 

Foto: © schiros - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 03/12/2014