Logo salute24

Alzheimer, una proteina ne segnala il rischio

Prima che se ne manifestino i sintomi, il rischio di Alzheimer potrebbe essere segnalato dalla scarsa presenza di una proteina. Ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry, è un team internazionale di ricercatori, coordinato da Steven J. Kiddle del King's College London di Londra, secondo cui esiste un'associazione tra il declino cognitivo e la proteina Mapkapk5. La scoperta potrebbe consentire d'individuare i soggetti a rischio, in modo da sottoporli a programmi di prevenzione e impedire lo sviluppo della demenza.

 

Gli scienziati hanno analizzato il sangue di 212 gemelli britannici, che sono stati seguiti per un periodo di 10 anni (dal 1999 al 2009). L'esame ematico ha permesso agli studiosi di individuare 1.129 proteine plasmatiche. Ai partecipanti è stato poi chiesto di effettuare, all'inizio e prima del termine della ricerca, un test utilizzato per rilevare i cambiamenti cognitivi precoci connessi allo sviluppo dell'Alzheimer.

 

Al termine dell'esperimento, gli autori hanno confrontato i risultati ottenuti da ciascun soggetto con i livelli di proteine presenti nel suo plasma. Hanno così scoperto che la presenza di Mapkapk5 era più bassa nel sangue degli individui che mostravano segni di declino cognitivo. Tuttavia, il ruolo svolto da questa proteina, coinvolta nella trasmissione di messaggi chimici all'interno del corpo, resta ancora da chiarire.

 

"Le persone ritengono che sia difficile invertire 20 anni di potenziali danni al cervello. Ma se si potesse intervenire prima dell'avvio del processo degenerativo, potrebbe essere possibile individuare un trattamento efficace – spiega il dott. Kiddle - Il passo successivo sarà quello di replicare i nostri risultati nel corso di uno studio indipendente. Questo potrebbe consentire lo sviluppo di un esame del sangue affidabile, in grado di aiutare i medici a identificare le persone adatte a sottoporsi alle sperimentazioni cliniche preventive".

 

Foto: © adimas - Fotolia.com

di Nadia Comerci s.p.
Pubblicato il 20/06/2015