Logo salute24

Sintonia madre-figlio: influenza abilità relazionali del bambino

La capacità di comprendere gli altri si sviluppa nei primi mesi di vita

La capacità della mamma di “sintonizzarsi” con i pensieri del figlio nei primi mesi di vita, influenzano le future abilità relazionali del bambino. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista British Journal of Developmental Psychology dai ricercatori dell’Università di York (Regno Unito), secondo cui le capacità dei bambini di comprendere i pensieri e i sentimenti delle altre persone, dipendono dal modo in cui la madre interagiva con loro quand’erano piccoli.

 

Nel corso della ricerca, gli autori hanno analizzato il modo in cui 40 neo-mamme si relazionavano con i loro figli. In particolare, hanno osservato il modo in cui le madri, lasciate libere d’interagire con i bambini per 10 minuti, interpretavano i pensieri e i sentimenti dei loro figli. L’esperimento è stato effettuato, per la prima volta, quando i bimbi avevano 10 mesi ed è stato ripetuto all’età di 12, 16 e 20 mesi. Gli studiosi hanno osservato che alcune madri mostravano una capacità maggiore di comprendere i pensieri dei loro piccoli rispetto alle altre.

 

Successivamente, i ricercatori hanno rivisto 30 coppie madre-figlio quando i bambini avevano compiuto 5-6 anni d’età. In quell’occasione, hanno analizzato le capacità socio-cognitive dei bambini. In particolare, hanno chiesto ai piccoli di spiegare il contenuto di alcune vignette che ritraevano 12 diverse interazioni sociali (basate, per esempio, su incomprensioni, bugie, scherzi, persuasione, sarcasmo etc.). Hanno, così, scoperto che i bambini che a pochi mesi avevano mostrato una maggiore sintonia con la mamma, erano stati in grado d’interpretare le scenette in modo più corretto.

 

Lo studio, secondo gli esperti, dimostra che le capacità dei bimbi di riconoscere i pensieri e i sentimenti altrui sono correlati al modo in cui la madre interagiva durante la prima infanzia. "Questi risultati sono significativi – osserva Elizabeth Kirk, che ha guidato la ricerca -, in quanto dimostrano il ruolo fondamentale dell’interazione conversazionale tra madri e figli durante la prima infanzia".

di Nadia Comerci
Pubblicato il 07/06/2018

potrebbe interessarti anche: