Logo salute24

Polmoni in salute nonostante il fumo? Merito del Dna

Individuate alcune variante genetiche in grado di proteggere la salute dei polmoni, anche nei fumatori. Queste mutazioni del Dna riducono il rischio di sviluppare la broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco), un'affezione cronica polmonare causata dall'infiammazione delle vie respiratorie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Lancet Respiratory Medicine da un team internazionale di ricercatori, secondo cui la scoperta spiega perché alcune persone abbiano polmoni sani nonostante fumino da diverso tempo.

 

Gli scienziati hanno analizzato il genoma di 48.201 persone, attraverso un metodo che consente di ricercare, all'interno di ogni campione, la presenza di oltre 800 mila varianti genetiche. Al termine dell'esame, hanno scoperto l'esistenza di alcune mutazioni del Dna in grado di proteggere i polmoni dallo sviluppo della Bpco. Questi geni erano presenti non solo in alcuni non fumatori, ma anche in alcuni tabagisti che, nonostante il vizio, avevano polmoni in buona salute.

 

I ricercatori precisano, tuttavia, che le mutazioni del Dna non tutelano dagli altri rischi associati alle sigarette: “Non esiste una bacchetta magica che protegga le persone dai danni prodotti dal tabacco, conservando i loro polmoni sani come se non fumassero affatto – spiega Martin Tobin dell'Università di Leicester (Regno Unito), che ha partecipato alla ricerca -. Il modo migliore per tutelare la propria salute dalla Bpco, dai tumori e dalle malattie cardiache, resta quello di smettere di fumare".

di redazione
Pubblicato il 03/11/2015