Logo salute24

Nascere in estate rende più alti e protegge la salute delle donne

Chi viene al mondo in inverno tende ad avere una statura inferiore

Chi viene al mondo in estate tende a pesare di più al momento della nascita e a diventare più alto da adulto. Viceversa, chi nasce durante i mesi invernali risulta più esile e, da grande, ha maggiori probabilità di essere basso. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Heliyon dai ricercatori della Scuola di medicina clinica dell’Università di Cambridge (Regno Unito). L'analisi ha anche dimostrato una correlazione tra stagione di nascita e salute nelle donne. Venire alla luce in estate ritarda lo sviluppo puberale, proteggendo dal rischio di cancro al seno, diabete e malattie cardiovascolari.

 

Durante la ricerca, gli autori hanno esaminato le cartelle cliniche di 452.399 cittadini britannici e irlandesi. Dall'analisi è emerso che le persone nate in giugno, luglio e agosto pesavano di più al momento della nascita. Inoltre, una volta cresciute risultavano più alte di quelle nate durante le altre stagioni. In particolare, avevano il 10% di possibilità in meno di avere una statura inferiore alla media. Al contrario, i soggetti venuti alla luce tra dicembre e febbraio erano più magri alla nascita e, in media, risultavano più bassi di 3 millimetri rispetto ai nati in giugno.

 

Lo studio ha evidenziato, inoltre, che le ragazze nate durante i mesi estivi entravano nella pubertà più tardi. Questo aumenta le possibilità che da adulte godano di buona salute e previene il rischio di sviluppare diabete, cardiopatie e tumore al seno.

 

Gli esperti ritengono che gli effetti benefici evidenziati dallo studio siano merito del sole: le donne che portano avanti la gravidanza durante i mesi primaverili ed estivi producono più vitamina D, perché sono maggiormente esposte alla luce. A sua volta, la vitamina D rafforza le ossa e favorisce la crescita in altezza del nascituro.

 

Foto: © yanlev - Fotolia

di Nadia Comerci
Pubblicato il 08/06/2018