Logo salute24

Partita la campagna vaccinale contro l'influenza 2015-2016

Ecco chi dovrebbe (e chi potrebbe) vaccinarsi

Donne nel secondo e nel terzo trimestre di gravidanza, over 65, operatori sanitari che entrano in contatto diretto con i pazienti e altri soggetti a rischio: sono questi i destinatari dell’offerta gratuita del vaccino contro l’influenza. La campagna vaccinale per la stagione 2015-2016 è partita a metà ottobre e continuerà fino alla fine di dicembre, ma come spiegano dal Ministero della Salute “è bene informarsi su quando realmente partirà l’offerta nelle varie regioni, in quanto l’avvio della campagna non è uniforme sul territorio nazionale e dipende, in genere, dal momento in cui il vaccino viene reso disponibile alle singole Asl”.

 

“Anche le modalità di distribuzione e somministrazione dei vaccini possono essere diverse”, precisa il dicastero, ricordando che oltre che per le categorie a rischio il vaccino è “indicato per tutte le persone che desiderino evitare di contrarre il virus”. Per acquistarlo è sufficiente recarsi in farmacia con la ricetta medica che ne attesti la prescrizione. Qui, come ha spiegato il presidente di Federfarma, Annarosa Racca, il vaccino è già disponibile.

 

“L'influenza è una malattia che ricorre in ogni stagione invernale e può avere un andamento imprevedibile”, sottolinea il Ministero. Per affrontarla al meglio ogni anno viene messa a punto una nuova formulazione del vaccino, pensata per immunizzare contro i ceppi che si pensa colpiranno di più nella stagione in cui verrà distribuita. Quest’anno i ceppi presenti al suo interno sono la variante A/California/7/2009 del ceppo H1N1 (presente anche nel vaccino della scorsa stagione), la nuova variante A/Switzerland/9715293/2013 del ceppo H3N2 e ua nuova variante del lineaggio B/Yamagata/16/88, B/Phuket/3073/2013.

 

“Accanto al vaccino”, ricorda però il Ministero, “l'altra arma di prevenzione consiste in semplici gesti quotidiani, come: lavarsi spesso le mani, coprirsi naso e bocca quando si starnutisce, evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non lavate”. Largo, quindi, alle buone norme igieniche, vera e propria arma contro la diffusione del virus influenzale e degli altri germi responsabili dei mali di stagione.

 

Foto: © goodluz - Fotolia.com

di red.
Pubblicato il 26/10/2015