X

Ti potrebbe interessare anche

Infezioni, ritorno in classe ne aumenta il rischio

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Ictus_giovani

Ictus, il 73% dei giovani
sottovaluta i sintomi

A svelarlo è un'indagine condotta negli Stati Uniti

Quando si è giovani si tende a sottovalutare i sintomi dell'ictus. A svelarlo è un'indagine condotta negli Stati Uniti, dove dalla metà degli anni '90 ad oggi l'incidenza di questo grave evento cerebrovascolare nella fascia di popolazione di età compresa tra i 18 e i 45 anni è aumentata del 53%. Nonostante questa maggiore frequenza, il 73% degli under 45 coinvolti nell'indagine ha dichiarato che nel caso in cui avesse a che fare con debolezza, intorpidimenti o difficoltà a parlare o vedere – tutti sintomi comuni dell'ictus – aspetterebbe per verificare se il problema si risolve da sé.

 

“E' un vero problema – commenta David Liebeskind, esperto di neurologia del Ronald Reagan Medical Center dell'Università della California di Los Angeles, dove è stata condotta l'indagine – Abbiamo bisogno di educare le persone più giovani sui sintomi dell'ictus e convincerli dell'urgenza della situazione, perché i numeri stanno crescendo”. Secondo Liebeskind nel caso dell'ictus ricevere un trattamento tempestivo è probabilmente più importante che in qualunque altro caso. “C'è una finestra di tempo molto limitata in cui iniziare il trattamento perché il cervello è molto sensibile a una mancanza di flusso ematico o a un'emorragia”. Tale finestra è di sole 3 ore dall'evento. “Tanto più il paziente aspetta, tanto più devastanti sono le conseguenze”.

 

Per questo è bene ricordare che l'ictus può colpire a qualunque età e che in presenza di paralisi facciali, debolezza a un braccio o difficoltà a parlare è fondamentale chiamare subito i soccorsi. “La buona notizia – aggiunge Liebeskind – è che ci sono scelte che possono aiutarci a ridurre il nostro rischio di ictus”. Infatti il problema è spesso associato a pressione alta, diabete, fumo e obesità, e un'alimentazione sana, abbinata a un'attività fisica regolare e all'abbandono di abitudini non salutari come fumare o bere quantità eccessive di alcolici, può aiutare a evitarne la comparsa.

 

Foto: © CLIPAREA.com - Fotolia.com

di s.s. (13/01/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.