• Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Patate_diabete_egstazionale

Donne, attente alle patate:
aumentano il rischio di
diabete gestazionale

Meglio preferire legumi e cereali integrali

Per evitare il diabete gestazionale si dovrebbe ridurre il consumo di patate già prima della gravidanza. A suggerirlo sono i risultati di uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un gruppo di ricercatori dei National Institutes of Health e dell'Università di Harvard, negli Stati Uniti, secondo cui le donne che prima di rimanere incinte mangiano molte patate corrono un maggior rischio di sviluppare questo problema anche se in buono stato di salute e se non hanno mai avuto a che fare con questa forma di diabete.

 

I ricercatori sono giunti a questa conclusione analizzando dati sul consumo di patate da parte di 15 mila donne, raccolti ogni quattro anni a partire dal 1991 fino al 2001. Alle partecipanti è stato chiesto quanto spesso mangiassero questi tuberi nelle forme più svariate (dal purè alle patate fritte, passando anche per le patatine confezionate), classificando la frequenza di consumo da “mai” a “sei o più volte al giorno”. Studi di questo tipo non permettono di accertare associazioni di tipo causa-effetto, ma le informazioni a disposizione hanno acceso i dubbi dei ricercatori, portandoli a cercare di stimare i benefici di un'eventuale sostituzione delle patate con altre fonti di carboidrati. Ne è emerso che sostituire 2 porzioni di patate a settimana con altri vegetali potrebbe ridurre il rischio di diabete gestazionale del 9%. Se al posto delle patate si mangiassero dei legumi il rischio potrebbe invece diminuire del 10%, e se si scegliesse di effettuare la sostituzione con dei cereali integrali potrebbe essere ridotto ancora di più (-12%).

 

Solo ulteriori studi permetteranno di verificare se siano davvero le patate ad aumentare la probabilità di avere a che fare con il diabete gestazionale e se le sostituzioni proposte dagli esperti siano davvero utili. Ciò che è certo è che ridurre i rischi deve essere una priorità per le donne che intendono diventare mamme: un livello eccessivo di zuccheri nel sangue non mette in pericolo solo la salute della gestante ma anche quella del suo bambino.

 

Foto: © Liddy Hansdottir - Fotolia.com

di Silvia Soligon (15/01/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.