• Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Cane

Le emozioni umane
vengono percepite
dai cani

Interpretano correttamente gli stati emotivi di persone e animali

Guardando le espressioni dipinte sul volto del padrone e ascoltandone la voce, i cani sono capaci di capire cosa prova. Per la prima volta un esperimento scientifico, pubblicato sulla rivista Biology Letters, ha confermato ciò che ciascun proprietario sa già: questi animali riescono a riconoscere le emozioni umane. Durante lo studio, infatti, i ricercatori delle Università di Lincoln (Regno Unito) e di San Paolo (Brasile) hanno scoperto che il migliore amico dell'uomo forma una rappresentazione mentale degli stati emotivi, positivi e negativi, di cani ed esseri umani.

 

“Il nostro lavoro mostra che i cani hanno la capacità di integrare due diverse fonti di informazioni sensoriali, in una percezione coerente delle emozioni sia degli esseri umani che dei cani – spiega Kun Guo, uno degli autori -. Per fare ciò è necessario un sistema di classificazione interna degli stati emotivi. Questa capacità cognitiva è stata evidenziata finora solo nei primati e la capacità di fare questo tra diverse specie si è vista solo negli esseri umani”.

 

Leggi anche: Bambini e ansia,  la soluzione è un  cane in famiglia?

 

Gli scienziati hanno esaminato le reazioni di 17 cani, ai quali sono state mostrate le immagini di altri cagnolini o di persone che esprimevano emozioni positive (felicità o gioco) e negative (ira o aggressività). A ogni foto corrispondeva un determinato suono, rappresentato da un abbaio o da una voce umana, che indicava uno stato d'animo favorevole o ostile. 

 

Nel corso dell'esperimento, gli animali trascorrevano molto più tempo a guardare le espressioni facciali quando risultavano associate allo stato emotivo della vocalizzazione. E questo avveniva non solo con le immagini dei cani, ma anche con quelle dei soggetti umani. Lo studio, secondo gli esperti, dimostrerebbe quindi che gli amici a quattro zampe sono capaci di formare rappresentazioni mentali degli stati emotivi, positivi e negativi, degli altri cani e delle persone.

 

“Molti proprietari di cani ci segnalano nei loro aneddoti che gli animali domestici sembrano molto sensibili agli umori dei membri della loro «famiglia umana» – afferma Daniel Mills, che ha coordinato la ricerca -. Il nostro studio è il primo a dimostrare che i cani riconoscono veramente le emozioni negli esseri umani e negli altri cani, senza ricevere alcuna formazione precedente o aver trascorso un periodo di familiarizzazione con i soggetti presentati nelle immagini o negli audio. Una capacità, dunque, che può essere intrinseca”.

 

Foto: © robhainer - Fotolia

di Nadia Comerci s.p. (14/01/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.