X

Ti potrebbe interessare anche

Stress e poca autonomia a lavoro accorciano la vita

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Sigaretta

Tabacco: le nuove
regole anti-fumo

In vigore dal 2 febbraio il decreto di recepimento della direttiva UE sul tabacco

D'ora in poi sarà vietato fumare in auto in presenza di minori e donne incinte. Inoltre, non sarà possibile farlo nei pressi di scuole e ospedali. Lo ha disposto il decreto di recepimento della direttiva UE sul tabacco, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il 18 gennaio 2016. Le nuove regole, entrate in vigore il 2 febbraio 2016, stabiliscono anche che le immagini sui pacchetti siano più “shockanti”, rendono più dettagliate le norme relative alle sigarette elettroniche e inaspriscono le sanzioni nei confronti di chi vende il tabacco ai minori. Il principale obiettivo di queste misure, infatti, è proprio quello di fare in modo che i giovani non “prendano il vizio”. Ecco nel dettaglio le nuove regole anti-fumo.

 

Sanzioni per la vendita ai minori – Sono state inasprite le pene per chiunque venda sigarette, tabacco o sigarette elettroniche a persone di età inferiore ai 18 anni. Chiunque trasgredisca il divieto verrà sanzionato con una multa da 500 a 3 mila euro e la sospensione per 15 giorni della licenza all'esercizio dell'attività. Inoltre, in caso di recidiva, il colpevole sarà punito con una multa da 1.000 a 8.000 euro e la revoca della licenza.

 

Avvertenze – Sui pacchetti saranno scritte frasi tipo: “Il fumo causa il 90% dei casi di cancro ai polmoni”, “Il fumo aumenta il rischio d'impotenza” e “Il fumo può uccidere il bimbo nel grembo materno”. Inoltre, le diciture saranno accompagnate da immagini a colori, che raffigurano gli effetti deleteri del fumo sulla salute. Infine, sulle confezioni sarà  riportato il numero verde per smettere di fumare.

 

Niente additivi e aromi – Non è più possibile inserire nei prodotti del tabacco additivi quali vitamine, caffeina e taurina, o aromi come mentolo e vaniglia.

 

Divieto di fumo – È vietato fumare all'aperto nei pressi di scuole, ospedali e università ospedaliere. Inoltre, non si può accendere una sigaretta in auto se ci sono minorenni o donne in gravidanza.

 

Sigarette elettroniche – Chi le produce deve notificare al Ministero della Salute l'elenco di tutti gli ingredienti contenuti nel prodotto, i dati tossicologici, la descrizione del processo di produzione, ecc. Inoltre, alle ricariche va allegato un "foglietto illustrativo" con le istruzioni per l'uso, l'elenco dei componenti e le avvertenze sugli effetti nocivi.

 

Multa per chi butta i mozziconi – Gettare per terra le cicche di sigaretta sarà punito con una sanzione pecuniaria di 300 euro. 

 

Foto: © Minerva Studio - Fotolia

di redazione (03/02/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.