X

Ti potrebbe interessare anche

Stress e poca autonomia a lavoro accorciano la vita

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Dieta_errori

Dieta,
ecco gli errori che
non fanno dimagrire

Una dietista punta il dito contro alcuni dei falsi miti che minacciano una sana alimentazione

Evitare i carboidrati per ingrassare, mangiare senza glutine anche se non si è celiaci e depurarsi con un po’ di digiuno: sono solo alcune delle decisioni che molte persone prendono nel tentativo di assicurarsi una dieta sana che magari faccia anche perdere qualche chilo di troppo. Spesso, però, scelte di questo tipo non sono giustificate da alcuna prova scientifica della loro efficacia, anzi, gli esperti del settore sottolineano che in alcuni casi si tratta di errori o addirittura di decisioni controproducenti. Fra gli ultimi a dire la loro sul tema è Lisa Mallonee, dietista dell’Health Science Center della Texas A&M University di College Station, negli Stati Uniti.

 

Il primo punto su cui l’esperta pone l’accento è proprio il caso degli alimenti gluten-free, in particolare i dolci. “Non sono più salutari rispetto ai dessert ‘normali’” sottolinea l’esperta, spiegando che “in realtà i sostituti del glutine possono aumentare il contenuto calorico e contribuire all’aumento di peso”. Anche i cibi senza zuccheri e senza grassi sono rischiosi in questo senso, perché possono portare a credere di poterne mangiare quantità eccessive senza correre il rischio di ingrassare. “Non importa che tipo di cibo si stia mangiando - ricorda infatti Mallonee - se si assumono più calorie rispetto a quelle che si consumano si aumenterà di peso”.

 

L’esperta sfata anche alcuni falsi miti, come quello secondo cui i carboidrati farebbero inevitabilmente ingrassare. Il vero problema, spiega Mallonee, riguarda il consumo di alimenti raffinati, come quelli presenti nella farina bianca, mentre cereali integrali, frutta e verdura, fonti di carboidrati ma anche di fibre, aiutano a proteggere la salute. La dietista smentisce anche la convinzione secondo cui mangiare ad ore tarde porterebbe ad ingrassare, sottolineando che “finché si segue una dieta bilanciata, si consumano i cibi in moderazione e si bruciano più calorie di quante se ne assumono non importa a che ora si mangia”. Per quanto riguarda i digiuni depurativi, Mallonee li sconsiglia sottolineando invece il potere detossificante di un’alimentazione ricca di fibre. Infine, le barrette energetiche. “Possono essere estremamente ricche di grassi e di zuccheri - avverte l’esperta - Non le raccomanderei a una persona che sta cercando di bruciare più tessuto adiposo”.

 

La scelta migliore per mantenersi in salute sembra quindi essere sempre la stessa: aderire ai principi della Dieta Mediterranea portando in tavola cereali integrali e frutta e verdura in abbondanza. “Mangiare cibi freschi può costare di più che caricare il carrello con cibi processati o prodotti da fast food - ammette Mallonee - ma osservando l’intera faccenda è probabile che mantenere uno stile di vita poco salutare costi di più in conti medici. Bisogna pensare all’impatto sulla salute sul lungo termine”.

 

Foto: Pixabay

di Silvia Soligon (05/02/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.