• Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Biopsia_digitale

Diagnosi tumori,
la biopsia digitale
è Made in Italy

Con un'analisi più precisa delle caratteristiche genetiche dei tumori apre la strada a terapie sempre più personalizzate

Il modo in cui vengono diagnosticati i tumori potrebbe essere rivoluzionato da un'innovazione Made in Italy. A metterla a punto sono stati i ricercatori della Silicon Biosystems di Bologna, che con il loro DEPArray offrono la possibilità di eseguire una sorta di biopsia digitale.

 

La possibilità offerta da questa tecnologia è analizzare singolarmente le cellule presenti nel tumore sfruttando metodiche di sequenziamento del Dna di nuova generazione e digitalizzando il campione. Ideato per studiare le cellule tumorali rare presenti in campioni di sangue, liquidi, il DEPArray è stato ora sperimentato su tumori solidi; i risultati dei test, pubblicati su Scientific Reports, hanno dimostrato che il suo impiego permette di analizzare con maggior precisione le alterazioni specifiche delle cellule maligne, altrimenti a rischio di sottostima a causa dell'impurità tipica delle biopsie, formate da un mix tra cellule sane e cellule tumorali. Con DEPArray, infatti, le cellule vengono analizzate digitalmente una per una; in questo modo è possibile astudiarne le caratteristiche genetiche in modo più affidabile. Non solo, analizzando singolarmente le cellule in un campione è possibile individuare più facilmente la presenza di sottopopolazioni tumorali. Dal punto di vista pratico tutto ciò significa ad esempio poter scegliere meglio la terapia più adatta.

 

La strada aperta da DEPArray è, insomma, quella verso una medicina più personalizzata. I suoi sviluppatori sperano di poterla utilizzare proprio per classificare meglio i pazienti e, in futuro, di arrivare anche a curarli con farmaci specifici valutando in anticipo e con precisione estrema la risposta del tumore.

 

Foto: © Alexander Raths Fotolia.com

di s.s. (12/02/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.