X

Ti potrebbe interessare anche

Bere una birra aiuta a essere più socievoli

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Donne

Donne più empatiche degli
uomini? Si capisce dello sbadiglio

Il gentil sesso ha una capacità maggiore di comprendere le emozioni sperimentate dalle altre persone

Le donne potrebbero essere più empatiche degli uomini. Lo dimostrerebbe il fatto che si lasciano “contagiare” maggiormente dagli sbadigli altrui. Ad affermarlo, in uno studio pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science, sono tre etologi italiani dell’Università di Pisa: Ivan Norscia, Elisa Demuru ed Elisabetta Palagi. Secondo gli studiosi, il gentile sesso riuscirebbe maggiormente a comprendere le emozioni sperimentate dalle altre persone, perché sarebbe più incline a riprodurne le espressioni del viso.

 

Leggi anche: Come lo sbadiglio, anche il sorriso è contagioso

 

Nel corso dell'indagine, i ricercatori hanno monitorato gli atteggiamenti di 48 uomini e 56 donne, mentre erano impegnati a svolgere le attività quotidiane. Il periodo di osservazione è durato cinque anni, dal 2010 al 2015. Al termine, gli esperti sono giunti a due conclusioni. La prima è che lo sbadiglio risulta più contagioso tra le persone che si frequentano spesso, come parenti e amici, piuttosto che tra quelle che si conoscono appena. La seconda è che le donne rispondono più frequentemente degli uomini agli sbadigli altrui.

 

Gli studiosi precisano che la contagiosità degli sbadigli ha basi empatiche. L’empatia si basa, infatti, sulla capacità di recepire e fare proprie le espressioni facciali altrui. Questo meccanismo è mediato, a livello neuronale, dai neuroni specchio, che rendono gli individui sensibili alle emozioni degli altri. Di conseguenza, le donne sarebbero influenzate maggiormente dalle espressioni dipinte sul viso altrui, perché riescono meglio a comprendere ciò che le altre persone provano.

 

Leggi anche: Gli uomini non capiscono le donne: è colpa del cervello

 

“Con il nostro studio abbiamo dimostrato anche a livello etologico la maggiore capacità empatica delle donne – dichiara Elisabetta Palagi –, una capacità già radicata profondamente nella natura materna e confermata da numerose evidenze psicologiche, cliniche e neurobiologiche”.

 

Foto: © Syda Productions - Fotolia.com

di Nadia Comerci s.p. (17/02/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.