X

Ti potrebbe interessare anche

Lea, nuovi diritti per i pazienti con autismo

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Endometriosi_lea

Endometriosi,
il Ministro Lorenzin:
"La cura sarà nei Lea"

L'annuncio su Facebook nella Giornata Mondiale dedicata alla patologia

Gli oltre 3 milioni di donne italiane che combattono ogni giorno con l'endometriosi avranno presto diritto all'esenzione per la cura di questa patologia invalidante. Ad annunciarlo in occasione della Giornata Mondiale dedicata a questa patologia è stato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, Che in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook ha dichiarato: “La cura dell’endometriosi sarà nei Lea [i Livelli essenziali di assistenza, ndr]”.

 

Lorenzin ricorda l'impegno preso dal Ministero un anno fa, annunciando che alle donne alle prese con questa patologia non resta che attendere la conclusione dell'aggiornamento dei nuovi Lea per veder l'endometriosi entrare nelle malattie croniche invalidanti con diritto all'esenzione. “Sin dall’inizio del mio mandato ho posto grande attenzione a questa patologia”, ha sottolineato il Ministro, esprimendo solidarietà a chi ne soffre, “come ministro e come donna”.

 

Spesso riconoscere l'endometriosi è difficile; la realtà di tutti i giorni dimostra come per arrivare a una diagnosi possono essere necessari anche 9 anni, durante i quali chi ne soffre deve lottare contro dolori talmente debilitanti da condizionare la vita di tutti i giorni, portando a perdere almeno 5 giorni lavorativi al mese. Non solo, come ha ricordato Lorenzin, l'endometriosi “compromette la vita di relazione di chi ne è colpita e mette anche a rischio la sua fertilità”. In questo quadro, le stime parlano di un costo sociale e sanitario pari a 4 miliardi all'anno.

 

Per ora le cure sono totalmente a carico della paziente, ma questa situazione sembra essere destinata a durare ancora per poco. “Proprio per dare una risposta concreta ai bisogni assistenziali connessi a questa malattia – ha infatti spiegato il Ministro – ho voluto che fosse inserita nei nuovi Lea e le ho dedicato una specifica attenzione anche nel Piano nazionale per la fertilità”.

 

Foto: © Piotr Marcinski - Fotolia.com

di s.s. (21/03/2016)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.