Logo salute24

Unione Europea, in vigore le nuove norme anti-fumo

L'Italia le aveva già recepite all'inizio dell'anno

Le nuove normative antifumo sono ufficialmente entrate in vigore nell’intera Unione Europea. In Italia il grande passo è già stato effettuato lo scorso 2 febbraio, quando in seguito al recepimento della direttiva UE sul tabacco sono entrate in vigore nuove regole riguardanti ad esempio le restrizioni di vendita ai minori, le avvertenze riguardanti i rischi per la salute da riportare obbligatoriamente sui pacchetti, la presenza di aromi, i luoghi in cui è vietato fumare e le ammende per chi getta i mozziconi a terra.

 

Come spiegato dalla Commissione Europea, “le regole valgono per tutti gli articoli prodotti a partire da oggi [20 maggio 2016, ndr], ma gli stati Membri possono concedere ai produttori ulteriori 12 mesi per vendere tutti i vecchi stock”. Alcune norme riguardano non i derivati del tabacco, ma le sigarette elettroniche, in particolare la presenza di nicotina al loro interno e diversi aspetti legati alla loro sicurezza, alla qualità degli ingredienti presenti nelle ricariche e ai possibili effetti negativi sulla salute. In alcuni casi i provvedimenti entreranno in vigore nei prossimi anni. E’ infatti fissata per il 20 maggio 2019 la scadenza per la messa in atto delle misure pensate per combattere il commercio illegale dei prodotti a base di tabacco, prorogata al 20 maggio 2014 nel caso di articoli diversi dalle sigarette e dal tabacco sfuso. Si avrà invece tempo fino al 20 maggio 2020 prima di veder messe definitivamente al bando le sigarette contenenti mentolo.

 

Ecco quali sono, oltre a quelli già citati, gli altri cambiamenti fondamentali introdotti dalla nuova normativa europea antifumo:

. sono vietati i packaging promozionali o fuorvianti;

. produttori e importatori dovranno fare rapporto sugli ingredienti dei prodotti a base di tabacco;

. il mercato delle e-cig dovrà essere opportunamente monitorato;

. i singoli Stati Membri potranno mettere in atto misure per vietare la vendita a distanza di prodotti che non corrispondano alle nuove disposizioni europee.

 

Leggi anche: Tabacco, le nuove regole anti-fumo

 

Foto: © ronstik - Fotolia.com

di s.s.
Pubblicato il 23/05/2016

potrebbe interessarti anche: