Logo salute24

Carne rossa: reni a rischio?

Un consumo elevato, soprattutto di carne di maiale, è stato associato all'insufficienza renale in stadio terminale

Mangiare carne rossa è pericoloso per la salute dei reni? E' proprio questa una delle accuse più spesso mosse alle diete che prevedono l'assunzione di dosi elevate di proteine, nutrienti abbondanti in questo tipo di alimento. Oggi un nuovo studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology suggerisce che consumarne in quantità – in particolare quando si tratta di carne di maiale – potrebbe davvero mettere in pericolo la salute di questi organi, aumentando il rischio di insufficienza renale in stadio terminale. Altre fonti di proteine non sarebbero invece pericolose per i reni, anzi, potrebbero addirittura ridurre il rischio di insufficienza renale in stadio terminale. Per questo per chi soffre di malattie renali croniche sostituire almeno in parte la carne rossa con altri cibi proteici potrebbe essere una buona scelta.

 

Lo studio in questione ha previsto l'analisi delle abitudini alimentari di oltre 63 mila individui di età compresa tra i 45 e i 75 anni coinvolti nel Singapore Chinese Health Study tra il 1993 e il 1998. Dopo un monitoraggio dello stato di salute dei partecipanti durato in media 15 anni e mezzo i ricercatori sono giunti alla conclusione che i maggiori consumatori di carne rossa – che nel 97% dei casi era carne di maiale – avevano corso un rischio di insufficienza renale in stadio terminale superiore del 40% rispetto a coloro che ne avevano consumate le quantità più basse. Altre fonti di proteine (in particolare la carne di pollo, il pesce, le uova e i latticini) non sono state invece associate in alcun modo al rischio di insufficienza renale in stadio terminale, mentre la soia e, più in generale, i legumi sono sembrati esercitare una funzione protettiva. In generale, sostituire una porzione di carne rossa con altre fonti di proteine può ridurre il rischio di insufficienza renale in stadio terminale finanche del 62%.

 

L'insufficienza renale in stadio terminale è una complicanza delle malattie renali croniche che può portare alla dialisi o al trapianto di reni. “Ci siamo imbarcati in questo studio per capire quali consigli dovrebbero essere dati ai pazienti con malattia renale cronica o alla popolazione generale preoccupata per la salute dei suoi reni sui tipi o sulle fonti di proteine – ha spiegato Woon-Puay Koh, epidemiologa della National University of Singapore e responsabile dello studio – I nostri risultati suggeriscono che queste persone possono ancora assumere proteine ma dovrebbero prendere in considerazione l'opportunità di passare a fonti di origine vegetale; tuttavia, se dovessero decidere di mangiare ancora carne, il pesce e i frutti di mare e il pollame sono alternative migliori rispetto alla carne rossa”.

 

Foto: © Joshhh - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 18/07/2016

potrebbe interessarti anche: