Logo salute24

Attenzione al troppo alcol: riduce la fertilità femminile

Meglio evitare eccessi e binge drinking: potrebbero ostacolare la gravidanza

L'alcol è una minaccia per la fertilità femminile? Secondo un nuovo studio pubblicato su BMJ da un gruppo di ricercatori dell'Ospedale Universitario di Aarhus (Danimarca) e della Scuola di Salute Pubblica dell'Università di Boston (Stati Uniti), fino a che non si eccede con il consumo non c'è da preoccuparsi; tuttavia, potrebbe essere bene evitare il binge driking – l'abitudine a bere quantità elevate di alcolici in un breve periodo di tempo – perché potrebbe alterare il ciclo mestruale.

 

Gli autori dello studio, guidati dalla ricercatrice Ellen Mikkelsen, hanno studiato l'associazione tra il consumo di alcolici e fertilità femminile in un gruppo di oltre 6 mila donne tra i 21 e i 45 anni che stavano cercando di rimanere incinte. Ogni 2 mesi – per 1 anno in totale o fino a che non sono rimaste incinte – le partecipanti hanno dovuto fornire informazioni sia sul loro consumo di alcolici, sia sullo stato di gravidanza, i cicli mestruali, la frequenza dei rapporti sessuali e il tabacco fumato. In questo modo è stato possibile analizzare il legame della fertilità femminile sia con il consumo totale di alcol che con quello di specifici alcolici (birra, vino rosso, bianco o da dessert e superalcolici).

 

Ne è emerso che un consumo lieve o moderato di alcolici non influenza la fertilità femminile. Diverso è il caso in cui si consumano 14 o più dosi di alcol alla settimana; un consumo a tali livelli è infatti stato associato a un tasso di gravidanze del 12%, contro il 17% rilevabile fra le donne che non consumano alcolici. Lo studio non ha però preso in considerazione i possibili effetti dell'alcol sulla fertilità maschile; inoltre non è stata fatta una distinzione tra il consumo regolare di alcolici e il binge drinking, già noto per i suoi effetti negativi sul ciclo.

 

Dal punto di vista pratico ciò potrebbe significare che le donne in cerca di una gravidanza dovrebbero limitarsi a un consumo di alcol inferiore alle 14 dosi alla settimana, dove per “dose” si intendono 330 ml di birra, 120 ml di vino (rosso o bianco), 50 ml di vino da dessert e 20 ml di superalcolici. Inoltre in un editoriale associato allo studio l'esperta di epidemiologia dell'University College di Londra Annie Britton ha sottolineato che “sarebbe saggio evitare il binge drinking, sia per la potenziale interferenza con i cicli mestruali che per il potenziale pericolo per un bambino durante le fasi precoci della gravidanza. Se una coppia sta tentando di concepire – ha concluso Britton – avrebbe senso per entrambi i partner ridurre il loro consumo di alcol”.

 

Foto: Pixabay 

di s.s.
Pubblicato il 18/06/2018