Logo salute24

Testa e collo, contro i tumori l'immunoterapia è meglio della chemio

Migliora sopravvivenza, sintomi e qualità della vita di pazienti

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine e presentato a Copenhagen in occasione del congresso dell’European Society for Medical Oncology ha dimostrato per la prima volta che l’immunoterapia può essere più efficace dei trattamenti tradizionali nel migliorare la qualità della vita e i sintomi con cui hanno a che fare i pazienti affetti da un tumore. I risultati della sperimentazione, che ha coinvolto 361 pazienti con tumori della testa e del collo resistenti alle terapie con platino, hanno infatti dimostrato che il trattamento con l’immunoterapico nivolumab migliora la sopravvivenza di una media di 2,5 mesi e, allo stesso tempo, permette di mantenere migliori capacità funzionali e di migliorare significativamente i sintomi rispetto a quanto reso possibile dalla chemioterapia.

 

“Dovremo scavare nei dati per comprendere le ragioni di questi risultati”, ha commentato Kevin Harrington dell’Institute of Cancer Research di Londra, autore principale dello studio. Ad entrare in gioco, ha spiegato il ricercatore, potrebbero essere sia la migliore attività del farmaco dal punto di vista clinico che la sua natura più gentile, che lo associa a meno effetti collaterali potenzialmente associati a risvolti negativi in termini di qualità della vita.

 

Foto: © vitanovski - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 10/10/2016