Logo salute24

Succo di mela antitumorale, scoperti i meccanismi contro il cancro del colon

I suoi polifenoli agiscono in modo simile ai farmaci

Diversi studi lo avevano già suggerito: il succo di mela può aiutare a prevenire il cancro del colon retto. Solo oggi, però, un gruppo di ricercatori è riuscito a caratterizzare i meccanismi alla base della sua azione antitumorale. In uno studio pubblicato su Scientific Reports gli esperti dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isa-Cnr) e del Dipartimento di Chimica e Biologia dell’Università di Salerno hanno infatti studiato per la prima volta quali fra le molecole antiossidanti presenti nel succo di mela esercitano un'azione antitumorale, quali sono i loro bersagli e come agiscono.

 

Le molecole in questione - ricorda Angelo Facchiano, responsabile dello studio - sono i polifenoli. Analizzando tre varietà diverse di mela - Annurca, Red Delicious e Golden Delicous - Facchiano e colleghi hanno scoperto che interferiscono con la replicazione e l’espressione del Dna delle cellule del cancro del colon, impedendone la duplicazione e, quindi, la crescita della massa tumorale. “Inoltre - aggiunge Facciano - abbiamo scoperto che le proteine su cui i polifenoli potrebbero agire sono le stesse su cui agiscono alcuni farmaci antitumorali recentemente sviluppati”.

 

“Per avere una visione completa e mettere a punto eventuali terapie è necessario conoscere quali sono i meccanismi molecolari e quali proteine sono coinvolte”, spiega il ricercatore. I risultati di questo studio suggeriscono che gli effetti antitumorali del succo di mela passino da un’azione sul metabolismo dei nucleotidi (i mattoni con cui la cellula costruisce Dna e Rna) e sull’attività di enzimi responsabili di una particolare modificazione, detta metilazione. “L’ipotesi, su cui sarà necessario effettuare ulteriori studi, è - conclude Facchiano - che alcuni composti presenti nelle mele abbiano un effetto preventivo agendo proprio sugli stessi meccanismi che vengono colpiti dai farmaci”.

 

Foto: Pixabay

di Silvia Soligon
Pubblicato il 27/10/2016

potrebbe interessarti anche: