Logo salute24

Un test rapido per la diagnosi della sepsi

Anziché concentrarsi sui batteri analizza la risposta del sistema immunitario

Quando i batteri invadono il sangue la salute è in pericolo. La sepsi – condizione dovuta proprio a infezioni ematiche – può infatti uccidere nell'arco di 2 giorni, soprattutto se non trattata. Presto, però, individuare i pazienti che richiedono una terapia potrebbe diventare più semplice grazie ad un test del sangue cui stanno lavorando Dimitri Pappas e Ye Zhang Texas Tech University che promette di abbreviare significativamente i tempi per la diagnosi.

 

“In genere quando si rileva la sepsi lo si fa attraverso una coltura batterica – spiega Pappas – Ciò richiede 2 giorni nei casi migliori e 15 giorni nei casi peggiori. Molte persone muoiono di sepsi nell'arco di 2 giorni. Al momento la diagnosi richiede le stesse tempistiche della mortalià, per questo stiamo cercando di accelerarla”.

 

Piuttosto che concentrarsi sui batteri i ricercatori texani hanno però spostato la loro attenzione sul sistema immunitario del paziente. “E' questa quella che interessa davvero – spiega Pappas – Il batterio causa l'infezione, ma è la risposta dell'organismo a causare la sepsi”. Per studiarla Pappas e Zhang hanno messo a punto un chip in grado di analizzare campioni fluidi per verificare l'attivazione di alcuni particolari globuli bianchi. “La rilevazione rapida consentirà ai medici di intervenire prima e quando necessario”. Oggi, infatti, proprio a causa della pericolosità della condizione nel caso in cui si sospetti una sepsi i trattamenti antibiotici vengono somministrati ancora prima di aver accertato l'analisi, con i ben noti rischi in termini di comparsa di microbi resistenti a questi farmaci.

 

Prima di poter essere utilizzato nella pratica clinica il chip dovrà però essere sottoposto ad ulteriori verifiche. In particolare, sarà necessario testarlo su campioni di sangue umano.

 

Foto: © dermatzke - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 03/11/2016

potrebbe interessarti anche: