Logo salute24

Cancro, un pacchetto di sigarette al giorno causa 150 mutazioni all'anno

La stima riguarda le cellule polmonari, ma ad essere colpiti sono anche altri organi

Ogni anno una cellula dei polmoni di chi fuma un pacchetto di sigarette al giorno accumula 150 mutazioni causate proprio dal fumo. La stima arriva dalle pagine di Science, dove un gruppo di ricercatori guidato da Ludmil Alexandrov del National Laboratory di Los Alamos (Stati Uniti) ha analizzato più di 5 mila tumori confrontando il Dna dei fumatori con quello di persone che non hanno mai fumato, rilevando specifiche alterazioni nel genoma di chi fuma e dimostrando l'esistenza di un legame diretto tra il numero di sigarette fumate nell'arco della vita e il numero di mutazioni presenti nel Dna.

 

Le mutazioni rilevate nelle cellule polmonari rappresentano potenziali inneschi di una cascata di danni genetici che possono portare allo sviluppo del cancro; il loro numero elevato, spiega Alexandrov, “giustifica perché i fumatori corrono un rischio così elevato di sviluppare un tumore ai polmoni”. Gli organi colpiti sono però anche altri; in particolare, ogni anno fumare un pacchetto di sigarette al giorno porta in media all'accumulo di 97 mutazioni in ogni cellula della laringe, 39 in ogni cellula della faringe, 23 in ogni cellula della bocca, 18 in ogni cellula della vescica e 6 in ogni cellula del fegato.

 

Questi risultati – spiega David Phillips del King's College di Londra, coautore dello studio – “svelano unquadro di effetti diretti e indiretti. Mutazioni causate da danni diretti al Dna da parte di carcinogeni del tabacco sono state rilevate principalmente in organi che entrano in contatto diretto con il fumo inalato. Al contrario, altre cellule dell'organismo sono esposte solo a un danno indiretto, e il fumo di tabacco sembra influenzare meccanismi chiave al loro interno che a loro volta mutano in Dna”.

 

Come ricordano Alexandrov e colleghi sulle pagine di Science, “il fumo di tabacco aumenta il rischio di almeno 17 classi di tumori umani”. Questo studio ha permesso di identificare almeno 5 diversi modi in cui riesce a danneggiare il Dna. “Ci dice – sottolinea Mike Stratton, esperto del Wellcome Trust Sanger Institute (Regno Unito) responsabile della ricerca – che osservare il DNA del cancro può fornire nuovi stimolanti indizi su come si sviluppano i tumori e quindi, potenzialmente, su come possono essere prevenuti”.

 

Leggi anche: Fumo, il 20% degli italiani accende le bionde in casa. 

 

Foto: © Deyan Georgiev - Fotolia.com

di Silvia Soligon
Pubblicato il 16/05/2018